Opera Nostra: "L'Università non aiuti a privatizzare Fondazione Arena"

Il comitato cittadino è allarmato per una ricerca richiesta all'UniVr sul bacino d'utenza del marchio "Arena". La replica del rettore: "L'università collabora con tutti"

I problemi economici della commissariata Fondazione Arena continuano a tenere in piedi il progetto di privatizzazione Arena Lirica Spa, di cui discute anche la politica e sui cui alcune associazioni culturali veronesi come L'Officina si sono espresse negativamente.

L'idea di gestire a livello privato la stagione estiva dell'Arena non si mette da parte, anzi, l’Università degli Studi di Verona ha ricevuto e accettato l’incarico di svolgere una ricerca allo scopo di verificare il bacino d’utenza del festival areniano e la fattibilità economica di Arena Lirica Spa. "Un bacino d'utenza che - scrive il comitato Opera Nostra - garantirebbe entrate economiche ingenti e su cui la sedicente Società Per Azioni sarebbe assolutamente interessata a mettere le mani, visto l'afflusso di spettatori che ha visto protagoniste le serate della stagione da poco iniziata.

Opera Nostra ha dichiarato ancora una volta la sua contrarietà alla privatizzazione e si rivolge direttamente al rettore dell'università: "Considerando che a Verona esiste già una Fondazione Lirico Sinfonica a prevalente capitale pubblico che svolge il medesimo compito, chiediamo al rettore Nicola Sartor di chiarire i dettagli economici e scientifici della partecipazione dell’ateneo veronese ad una simile iniziativa che, oggettivamente, legittima la svendita dei beni comuni, pubblici, a favore degli interessi privati di pochi e chiarire quale sia la convergenza tra le finalità istituzionali dell’ateneo veronese e quelle della costituenda società privata". Il comitato cittadino chiede anche a Sartor di "spiegare ai cittadini e a tutti gli amanti della lirica e dell’opera areniana, per quale motivo l’ateneo debba rendersi disponibile come strumento per la privatizzazione e il perseguimento di un disegno di liquidazione di una rilevante istituzione pubblica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una lettera che non è stata ignorata dal rettore dell'università di Verona che precisa: "Le ricerche che sono state chieste a questo ateneo sono mirate ad approfondire alcuni aspetti rilevanti relativi al bacino d’utenza e alla diffusione del marchio 'Arena' tra il pubblico nazionale e internazionale. Non posso che precisare che questo ateneo ha sempre collaborato e sempre collaborerà con qualsiasi soggetto che chieda approfondimenti su specifici temi. Si tratta della cosiddetta terza missione che gli atenei sono chiamati a svolgere per mettere a disposizione le loro conoscenze al servizio del Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento