Omicidio di Albaredo. Niente ergastolo per l'assassino di Mirela e Larisa

La Corte d'Appello di Venezia ha ridotto a 30 anni la pena per Andrei Filip, riconoscendogli le "attenuanti generiche". Intanto la sua fidanzatina, a sua volta condannata ad una pena di oltre 14 mesi, è ancora a piede libero in Romania

Niente ergastolo per Andrei Filip, il giovane di origine romena che il 13 febbraio 2016 assassinò madre Mirela Balan e sorellastra Larisa dopo un un litigio, per farne poi a pezzi il corpo e gettarlo nell'Adige. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riporta TgVerona, la corte d'appello di Venezia ha ridotto la pena dell'omicida a 30 anni, riconoscendogli le "attenuanti generiche".
Condannata invece a 14 anni e 8 mesi, resta ancora in bilico la posizione della fidanzata di Andrei, minorenne all'epoca dei fatti, che per l'accusa avrebbe dato il coltello all'assassino e l'avrebbe aiutato a liberarsi dei cadaveri. La giovane attualmente si trova in Romania e qualche settimana fa era stata ventilata l'ipotesi della sua estradizione, essendo incriminata per l'omicidio di Mirela (non per quello della piccola Larisa, strangolata da Andrei). Dal canto suo lei aveva sempre dichiarato di aver agito sotto la minaccia del fidanzato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Temporali in arrivo dopo il gran caldo: stato di attenzione in Veneto fino a martedì

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento