Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Chievo / Via Aeroporto Angelo Berardi

Abusivi e degrado, blitz alle ex Officine Cardi: coppia sgomberata e segnalata

L'intervento della Polizia locale è scattato all'alba di martedì, in seguito alla denuncia presentata dal custode giudiziario del sito. «Qui i problemi non sono solo di sicurezza, ma anche di ordine igienico sanitario e ambientale», ha detto il sindaco di Verona Federico Sboarina

Uno dei giacigli trovati alle ex Officine Cardi del Chievo

Alle prime ore dell'alba di martedì è scattato il controllo alle ex Officine Cardi del Chievo, nel Comune di Verona, da parte della Polizia locale scaligera, intervenuta in seguito alla denuncia presentata dal custode giudiziario del sito.

Sul posto sono stati trovati dalle forze dell'ordine due cittadini di nazionalità romena, un uomo di 42 anni e una donna di 58, che vivevano in giacigli improvvisati in condizioni di degrado, tra incuria e sporcizia. Una situazione di completo abbandono, ulteriormente peggiorata dopo l'incendio verificatosi qualche giorno fa, aggravata dal pessimo stato di igiene del luogo e da quello strutturale, con aree che risulterebbero pericolanti.

Gli agenti durante il blitz-2

La coppia infine è stata segnalata all'Autorità giudiziaria per occupazione abusiva di edificio, mentre nell'area sono stati trovati diversi giacigli, con mobili accatastati e suppellettili in parte bruciati, e anche numerose galline libere di scorrazzare qua e là. 

La situazione dell'area è molto complessa, e il custode giudiziale ha comunicato che, dopo la sospensione della procedura d'asta richiesta dai creditori, non verrà effettuato alcun intervento di bonifica e di chiusura. La Polizia Locale segnalerà al settore Ambiente la grave situazione, per informare anche la magistratura che segue le vicende finanziarie dell'area.

L'area dell'ex Cardi-2

«Solo con il costante monitoraggio dei punti critici si riesce a evitare il degrado urbano perché si evita che ci siano aree fuori controllo - commenta il sindaco Federico Sboarina -.Il numero di interventi che effettuiamo ogni settimana, sono la cifra dell’importanza che diamo al tema della sicurezza. Un ambito su cui non molliamo la presa, convinti che il presidio continuo e costante sia un ottimo deterrente per chi pensa di poter violare le regole e di vivere ai margini della società. Qui i problemi non sono solo di sicurezza, ma anche di ordine igienico sanitario e ambientale. L'operazione di oggi ha permesso di evidenziarne la gravità».

«Continuano, in tutti i quartieri, i controlli contro il degrado e l’occupazione delle aree abbandonate – spiega l’assessore alla Sicurezza Marco Padovani-. Le condizioni igienico-sanitarie che abbiamo riscontrato all’interno dell’ex Cardi sono inaccettabili, inammissibile che delle persone possano vivere in un tale contesto, pericoloso per la sicurezza loro e degli altri. Ringrazio gli agenti della Polizia locale per l'instancabile presenza a queste operazioni, gli orari e le condizioni in cui vengono effettuate dimostrano ancora lo spirito di servizio ma anche la preparazione che contraddistingue il nostro Comando».

Sgombero all'ex Cardi-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivi e degrado, blitz alle ex Officine Cardi: coppia sgomberata e segnalata

VeronaSera è in caricamento