rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Cronaca Centro storico / Via dello Zappatore

Nuovo processo per Giacino e Lodi, rinviati a giudizio anche i genitori di lei

L'ex vicesindaco di Verona, la moglie e i suoceri sono accusati di intestazione fittizia di beni e ricettazione. Il processo sarà il prossimo 14 giugno

Intestazione fittizia di beni e ricettazione. Sono queste le nuove accuse da cui si devono difendere l'ex vicesindaco di Verona Vito Giacino, la moglie Alessandra Lodi e i genitori di lei. Il primo atto del processo del processo sarà il prossimo 14 giugno dopo il rinvio a giudizio deciso ieri, 19 aprile, e riportato da Camilla Ferro su L'Arena

Il processo è nato in seguito alla più vasta e nota indagine sul cosiddetto "metodo Giacino", un sistema di tangenti che l'ex vicesindaco si faceva pagare sotto forma di consulenze pagate alla moglie per accelerare la burocrazia attorno a pratiche urbanistiche in attesa di permessi. In pratica, i costruttori avrebbero dovuto allungare denaro a Giacino per fare in modo che i loro lavori avessero un iter burocratico più rapido. Per questo la coppia Giacino e Lodi è stata già condannata in primo e in secondo grado, poi in Cassazione la sentenza dell'Appello è stata in parte annullata e a settembre ci sarà un nuovo processo di secondo grado.

Ma prima di settembre viene giugno, dove Giacino, Lodi e il padre e la madre della donna dovranno spiegare un giro di denaro sospetto, scoperto dal pubblico ministero. Secondo l'accusa, infatti, ci sarebbero circa 45mila euro che i genitori di Alessandra Lodi avrebbero ricevuto dalla figlia, consapevoli del fatto che quel denaro era stato ottenuto illecitamente dalla donna.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo processo per Giacino e Lodi, rinviati a giudizio anche i genitori di lei

VeronaSera è in caricamento