menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il rendering del centro sportivo a Chievo: ecco come sarà fra un anno

Il rendering del centro sportivo a Chievo: ecco come sarà fra un anno

Chievo, entro un anno il nuovo centro sportivo per canoa e calcio

L'area prevista di 34mila metri quadrati con 1700 metri cubi coperti costerà 6 milioni di euro e prevede vasche per la voga, uffici, reception, bar, depositi e tre campi da calcio per il settore giovanile

Un'area di 34mila metri quadrati con 1700 metri cubi coperti. Investimenti per 6 milioni di euro. Un anno per avviare e completare i lavori. Sono questi i numeri del nuovo impianto di canoa/kayak e calcio che sorgerà a Chievo. A firmare l'accordo per la realizzazione sono stati stamattina il vicesindaco con delega all’Urbanistica, Vito Giacino, l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Massimo Giorgetti, e il presidente della società calcistica Chievo Verona di Luca Campedelli. Dei 5 milioni 940mila e 750 euro destinati al progetto, un milione e 175mila sono stati messi a disposzione dalla Regione, ai sensi della legge regionale del 2006 che prevede "interventi a favore di impianti sportivi di eccellenza".

IL PROGETTO - Il progetto prevede di ristrutturare ed ampliare l’esistente impianto sportivo della società calcistica Chievo per realizzarvi il centro d’eccellenza dedicato alla canoa-kayak. L’impianto sportivo riservato al calcio sarà destinato all’attività nel settore giovanile, con 3 campi da calcio e un fabbricato su tre livelli con uffici, reception, spogliatoi, palestra, magazzini, foresteria per i ragazzi, alloggio per il custode e un locale ad uso ristoro. Il fabbricato riservato alla canoa-kayak sarà articolato anch’esso su tre livelli: al piano terra uffici, reception, sala polivalente e bar; al piano interrato spogliatoi, locali per allenamento come vasche voga e locali per il deposito delle canoe; al piano primo alloggio per custode e foresteria. Il Centro canoa-kayak sarà dimensionato per poter ospitare anche attività complementari, non legate alla pratica sportiva: la possibilità di un accesso rapido al fiume Adige a nord di Verona rende infatti il centro ideale per eventuali allenamenti ed esercitazioni per corpi di pronto intervento con le squadre di soccorso fluviale come quelle dei Vigili del Fuoco, la Guardia Forestale e la Protezione Civile.

“Oggi si conclude un iter iniziato con la precedente amministrazione Tosi – ha spiegato Giacino - che porterà alla realizzazione di un impianto sportivo di eccellenza. Un intervento a costo zero per il Comune e un ulteriore esempio di collaborazione tra pubblico e privato a favore della città”. “Entro un anno la struttura dovrà essere inaugurata - ha annunciato invece Giorgetti - come previsto nel finanziamento regionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento