Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Pescantina / Via Walter Fleming

Pescantina, rinnovato il cda di Azalea. Confermata Linda Croce presidente

Nuovo consiglio di amministrazione per la cooperativa sociale di Settimo di Pescantina, che con i suoi 443 soci è una delle più significative del territorio

È stato rinnovato il consiglio di amministrazione della cooperativa sociale Azalea di Settimo di Pescantina, una delle più significative del territorio, attiva negli ambiti delle cure primarie, educazione, cultura e inclusione ormai da 25 anni. È tutta al femminile e under 40 la nuova squadra alla guida della cooperativa, che conta oggi 443 soci, di cui 406 soci lavoratori, genera un fatturato di quasi 12 milioni di euro e vede destinatari dei suoi servizi e progetti oltre 20mila cittadini.

L'assemblea dei soci ha riconfermato l'attuale presidente Linda Croce e Sara Bonamini. Accanto a loro ci sono le nuove consigliere elette Ilaria Bonazza, Valentina Sartori e Roberta Zanca. Pedagogista, 39 anni, Linda Croce è socia dal 2001 della cooperativa, dove è entrata come operatrice per diventarne presto coordinatrice di diversi servizi pedagogici e poi presidente nel 2015.

Oggi Azalea deve rafforzarsi come impresa sociale - ha spiegato Croce - e su questo obiettivo continueremo a lavorare proseguendo il nostro percorso di riorganizzazione, sia interna che dei servizi: un percorso già avviato con ottimi risultati, che risponde peraltro pienamente anche alle sollecitazioni derivanti dalla recente riforma del terzo settore. L'impegno di questo prossimo mandato sarà per noi quello di tenere al centro l'innovazione e lo sviluppo della cooperativa per creare valore, sia internamente che all'esterno, ma imparando anche a misurare l'impatto di ciò che facciamo e di come lo facciamo, e a restituirne i risultati al territorio.

Sono 32 le strutture in cui Azalea opera e 40 le collaborazioni attive, che la vedono partner di numerosi enti e istituzioni. La sua proposta spazia dai servizi di assistenza domiciliare per anziani, persone con problemi di salute mentale, persone con disabilità e minori, a laboratori prelavorativi, da progetti di mediazione culturale e animazione sociale nei quartieri a servizi di promozione della salute e di educazione dei bambini, fino alla gestione dell'hotel ristorante Gran Can a San Pietro in Cariano che ospita al suo interno due comunità per la salute mentale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescantina, rinnovato il cda di Azalea. Confermata Linda Croce presidente

VeronaSera è in caricamento