Lavoratori sul tetto della Coca Cola di Nogara. Lo sciopero non si ferma

I manifestanti hanno occupato anche il piazzale interno dello stabilimento. Adl Cobas: "La vigilanza privata ci ha aggredito. Un lavoratore è finito al pronto soccorso"

Non si ferma la protesta dei lavoratori di Adl Cobas alla Coca-Cola di Nogara. Sono 14 i dipendenti del magazzino a rischio ricollocazione e il sindacato ha parlato di "ricatto inaccettabile di Coca-Cola e dei consorzi e cooperative" che ha scatenato lo sciopero al oltranza.

Questa mattina, 28 marzo, i lavoratori hanno occupato il tetto e il piazzale interno allo stabilimento. Necessario l'intervento dei carabinieri, mentre Adl Cobas parla di un'aggressione da parte della vigilanza privata, con un lavoratore trasportato al pronto soccorso.

"La mobilitazione andrà avanti fino a quanto tutti non entreranno a lavoro", conclude il sindacato.

Potrebbe interessarti

  • Autostima: cos'è e come ci si lavora

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Avis Regionale Veneto e Confservizi Veneto: siglata una importante collaborazione

  • Riso: proprietà e ricette salutari

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla SR450, tre ragazzi investiti da un'auto: due 20enni morti

  • Trattore si ribalta e non gli lascia scampo: morto un agricoltore

  • Cadavere trovato nel canale "Menaghetto": la donna è stata identificata

  • Stroncata da una malattia durante una vacanza: 17enne muore in Grecia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 19 al 21 luglio 2019

  • Incidente in moto sull'A22 all'uscita per Affi: un morto e un ferito grave

Torna su
VeronaSera è in caricamento