Cronaca Santa Lucia e Golosine / Via Sommacampagna

Maltempo in Veneto e rischio valanghe in montagna, l'Ass. Bottacin: «Non spostatevi»

L'assessore regionale alla Protezione civile in Veneto Gianpaolo Bottacin: «Si raccomanda a tutti di non spostarsi nelle prossime ore se non per motivi urgenti e indifferibili»

Gianpaolo Bottacin - foto Facebook

«Si raccomanda a tutti di non spostarsi nelle prossime ore se non per motivi urgenti e indifferibili. Sarà fatta ordinanza di divieto di accesso alle località montane ai non residenti a causa del maltempo (visto che appelli e dpcm non sono serviti). Si prega di rispettare le indicazioni». Lo ha scritto poco fa su Facebook l'assessore regionale alla Protezione civile inn Veneto Gianpaolo Bottacin, evidentemente preoccupato per le condizioni meteo avverse che stanno colpendo in particolare il nord del Veneto e le zone montane

Si è infatti appena conclusa la riunione dell’Unità di Crisi regionale, in videoconferenza, con tutti i soggetti impegnati nell’emergenza del maltempo in Veneto: i Vigili del fuoco, il volontariato della Protezione Civile, i Consorzi di Bonifica, la Protezione Civile regionale, la Difesa del Suolo, Anas, Enel, Veneto Strade, Suem 118, Soccorso Alpino ed il Prefetto di Belluno. Il meteo prevede che anche nelle prossime ore continuerà a nevicare in maniera copiosa sopra i 1.000-1.500 metri, mentre sotto i 1.000-1.500 metri si prevedono piogge intense per tutta la giornata di domani. Questo significa che essendo caduti già più di 300 mm di pioggia il rischio idraulico e geologico è concreto in varie zone del Veneto, nello specifico in Provincia di Belluno, nella parte alta della provincia di Treviso, nel Veneto Orientale e nell’alta provincia di Vicenza.

Criticità 5 dicembre 2020-2

«La situazione vede alcune interruzioni di energia elettrica, in corso di ripristino da parte di Enel, in provincia di Vicenza e Belluno, mentre abbiamo tre frazioni isolate in comune di Livinallongo - spiega l’Assessore regionale alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin -, per ripristinare le viabilità da e per queste località, siamo in contatto diretto con il sindaco. Abbiamo dei problemi con i collegamenti con la frazione di Misurina, con Auronzo di Cadore,  e altre problematicità legate alla viabilità considerando che i passi dolomitici sono chiusi. Permane il rischio di valanghe, che nella giornata di domani potrà raggiungere il livello 5, cioè il massimo livello di rischio, nella parte più alta della provincia di Belluno. Livinallongo, Rocca Pietra, San Pietro di Cadore e Zoppè di Cadore sono attenzionati e monitorati da parte del Soccorso Alpino e dai Carabinieri Forestali».

«Abbiamo chiesto al Prefetto di emettere un’ordinanza, attraverso il Comitato operativo di viabilità, per vietare ai non residenti l’accesso alle località montane di tutta la Provincia di Belluno - conclude Bottacin -. Ciò per ridurre al minimo i rischi e assicurare strade libere e sgombere ai mezzi di soccorso. Verranno inoltre intensificati i controlli per la verifica del possesso delle catene a bordo e dei pneumatici da neve per i residenti, ai quali è sconsigliato qualsiasi spostamento non indispensabile nelle prossime ore». La sala operativa di monitoraggio regionale rimarrà attiva nelle prossime 24 ore per seguire l’evoluzione metereologica delle prossime ore.

Criticità valanghe 5 dicembre 2020-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo in Veneto e rischio valanghe in montagna, l'Ass. Bottacin: «Non spostatevi»

VeronaSera è in caricamento