Negrar. Consorzio di bonifica e Comune sistemano il Vaio della Bernardinella

Per il sindaco Roberto Grison ed il presidente del Consorzio Antonio Tomezzoli è un intervento funzionale e armonico dal punto di vista estetico. Si spera sia una soluzione definitiva

Nel 2014 la Giunta Regionale del Veneto ha attivato una serie di accordi di programma con i Consorzi di Bonifica e i Comuni con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti, finalizzati alla realizzazione da parte dei Consorzi di Bonifica di interventi manutentori sui corsi d'acqua minori demaniali e su quelli in sedime privato, ma che per dimensioni ed estensione possono essere considerati di pubblico interesse.

La Regione partecipa alla realizzazione degli interventi proposti dai Comuni con un cofinanziamento non superiore all'80% della spesa e su segnalazione del Comune di Negrar e del Consorzio di Bonifica Veronese ha individuato tra gli interventi da realizzare i lavori di sistemazione idraulica e riqualificazione del tratto terminale del Vaio della Bernardinella. La somma a disposizione per l'intervento ammontava complessivamente ad euro 72.550,00.

Il Vaio della Bernardinella è un piccolo corso d'acqua il cui alveo inizia a quota 230 m sul livello del mare presso la località Montericco e termina vicino ad Arbizzano, fiancheggiando la strada comunale Bosco di Sotto. Nel primo tratto l'alveo è sostanzialmente allo stato naturale, ma purtroppo, l'edificazione, le strade e le moderne sistemazioni agrarie hanno nel tempo modificato l'assetto idrografico originario con alterazione delle linee di deflusso delle acque e accentuazione dei fenomeni di erosione.

Il problema che si è inteso risolvere con questo progetto riguarda il tratto di circa 270 metri tra Via Monte Sparavieri e la S.P. n.4, dove il progno-strada è delimitato da vecchi muri a secco e con un fondo notevolmente dissestato. I deflussi che si generano durante le intense precipitazioni mettono in moto grandi quantità di ghiaia, sabbie e ramaglie che poi si depositano nei punti dove la corrente rallenta. Il materiale che arriva alla strada provinciale determina, tra l'altro, un serio pericolo per automobilisti e motociclisti.

Le opere progettate dal Consorzio di Bonifica Veronese, e quindi realizzate dalla ditta Trasporti e Scavi Menon che le ha ultimate in questi giorni, sono finalizzate proprio a raccogliere le acque provenienti dal Vaio della Bernardinella e convogliarle verso il Vaio del Ghetto.

Si è provveduto alla posa di una tubazione interrata per trasportare a valle gli eventuali sedimenti presenti. Per raccogliere al meglio le acque sono anche state posizionate due griglie. La prima a monte, per realizzare una buona superficie di decantazione per i detriti, la seconda a valle per drenare le acque eventualmente non raccolte dalla prima. La pavimentazione della strada-progno è stata realizzata in acciottolato, con ciottoli in porfido, granito e gneiss tipici delle morene atesine. Lungo la mezzeria stradale è stata inoltre prevista una cordonata in pietra di Prun, con superficie liscia rullata, per offrire un agevole transito a biciclette e pedoni.

"Un intervento pertanto assolutamente funzionale dal punto di vista idraulico e piacevole ed armonico dal punto di vista estetico - commentano il sindaco di Negrar Roberto Grison ed il presidente del Consorzio di Bonifica Veronese Antonio Tomezzoli - che si spera risolverà definitivamente un problema che da tempo era avvertito come grave nella zona".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento