Il Comune corre ai ripari: un servizio di vigilanza controlla le aree verdi

"Soprattutto nel periodo estivo riceviamo segnalazioni di alcuni cittadini residenti nelle vicinanze che lamentano comportamenti privi di senso civico, in particolare nelle ore notturne. Viene disturbata la quiete pubblica e il diritto al riposo"

Dal 1° luglio è attivo il servizio di sorveglianza notturna delle aree verdi comunali maggiormente frequentate.

Il servizio sarà svolto dalla ditta di vigilanza privata CIVIS S.P.A. e riguarderà i seguenti parchi:

  • Area verde di San Vito di Negrar; 
  • Area verde di “Corte Bagola” (Arbizzano);
  • Area verde di Novare (Arbizzano); 
  • Area verde di San Peretto di Negrar; 
  • Area verde circostante la Baita Alpini del capoluogo;
  • Area verde di via Pertini del capoluogo. 

Ogni giorno, ad orari diversi, una Guardia Particolare Giurata dotata di autovettura con le insegne della Ditta controllerà le singole aree ed il controllo sarà rilevato mediante apposito TAG elettronico che permetterà l’invio di un report delle avvenute ispezioni alla fine di ogni mese.

Qualora la GPG, nello svolgimento del servizio, rilevasse presenze sospette, comportamenti anomali, danneggiamenti al patrimonio comunale, segnalerà nell’immediatezza i fatti degni di necessità di intervento immediato alle Forze dell’Ordine disponibili e il giorno successivo informerà la Polizia Locale, con la quale la ditta dovrà sempre interfacciarsi per adeguare il servizio alle esigenze effettivamente rilevate.

“Abbiamo la fortuna di avere numerose aree verdi attrezzate distribuite su tutto il territorio comunale - spiegano il sindaco Roberto Grison e l’Assessore Maurizio Corso - che i cittadini vivono come luoghi di aggregazione sociale. Soprattutto nel periodo estivo riceviamo segnalazioni di alcuni cittadini residenti nelle vicinanze che lamentano comportamenti privi di senso civico, in particolare nelle ore notturne. Viene disturbata la quiete pubblica e il diritto al riposo. I controlli in questi orari non riusciamo a garantirli con la nostra Polizia Locale per cui, assieme al nostro Comandante abbiamo pensato di attivare interventi miranti al controllo di queste zone mediante una ditta di vigilanza privata. È una risposta aggiuntiva a quanto stiamo realizzando per migliorare la sicurezza urbana – concludono il Sindaco e l’Assessore - e si aggiunge alle pattuglie che la Polizia Locale del distretto svolge in maniera congiunta nei fine settimana, alle telecamere per la video sorveglianza ed alle telecamere per la lettura delle targhe che stiamo posizionando sulle vie di accesso al nostro territorio comunale”.

L’incarico per il controllo delle aree verdi terminerà il 30 novembre, ma non è escluso che possa proseguire anche oltre, qualora se ne ravvisasse la necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento