Negrar, cacciatore muore per un malore durante una battuta al cinghiale

Si chiamava Daniele Simeoni, era un pensionato classe 1955 di Negrar e il suo decesso è avvenuto questa mattina intorno alle 10

I carabinieri parlano di arresto cardiocircolatorio come causa per il decesso di Daniele Simeoni.

L'uomo, pensionato di Negrar classe 1955, era impegnato questa mattina, 16 gennaio, intorno alle 10 in una battuta di caccia al cinghiale in un bosco a Montecchio di Negrar, quando è stato colto da malore.

Sul posto sono intervenuti i militari della stazione di Negrar.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento