Puliva il marciapiede e chiedeva l'elemosina, multa da 100 euro. Ass. Polato: "È la legge"

È un 29enne immigrato e con regolare permesso di soggiorno, sanzionato dagli agenti della municipale intervenuti dopo la segnalazione da parte di un residente in via XXIV Maggio

L'assessore alla Sicurezza del Comune di Verona Daniele Polato

Multato perché stava pulendo un marciapiede dal fogliame, mozziconi, cartacce e vari rifiuti, chiedendo ai passanti un contributo per il servizio e l'acquisto di "attrezzi da lavoro" quali palette, scopa e sacchetti per la raccolta. È quanto capitato in via XXIV Maggio a Verona, a un giovane immigrato, regolare sul territorio italiano. Si tratta di un 29enne nigeriano con permesso di soggiorno, sanzionato dalla polizia municipale perché pulendo il marciapiede «limitava la libera accessibilità e fruizione delle infrastrutture», oltre che, ovviamente, svolgere l'azione proibita di «accattonaggio».

«Esiste un Regolamento di polizia urbana e gli agenti, se chiamati ad intervenire, sono obbligati a recarsi sul posto e ad applicare le regole, che sono uguali per tutti. - ha detto l'Ass. alla Sicurezza Daniele Polato commentando l'episodio - È quello che è successo lo scorso 30 giugno, quando la Polizia municipale ha effettuato un controllo in via XXIV Maggio per dare riscontro alle segnalazioni di un cittadino. Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato un uomo intento a chiedere l’elemosina, pertanto l’hanno sanzionato con una multa da 100 euro per accattonaggio, come prevede l’articolo 28 bis del Regolamento di polizia urbana, che applica la sanzione introdotta dalla legge 48/2017. Se l’uomo si fosse limitato a pulire la strada senza chiedere l’elemosina non sarebbe stato multato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le dichiarazioni dell’assessore alla Sicurezza Daniele Polato, sono giunte in risposta a una lettera polemica scritta da Giorgio Gabanizza di Sinistra Italiana. «Ricordo comunque ai rappresentanti di Sinistra Italiana e Sinistra in Comune - ha quindi aggiunto ancora l'Ass. Polato - che, invece di fare tanti proclami, possono agire per atti amministrativi e proporre al Consiglio comunale la modifica del regolamento e l’eliminazione delle contravvenzioni per chi chiede l’elemosina pulendo le strade. Per quanto mi riguarda, mi auguro che il sanzionato paghi la sua multa come tutti i cittadini sono tenuti a fare perchè, ribadisco, la legge è uguale per tutti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento