Cronaca Garda / Lungo Lago Europa

"La Motta" riaccende la musica, però fino a mezzanotte e non si potrà ballare

L'amministrazione comunale fa un passo indietro e concede al gestore del chiosco la possibilità di tornare a proporre musica, fissando però dei paletti entro i quali dover restare

L'amministrazione comunale fa un passo indietro, a patto che vengano rispettate le regole: Antonio Pasotti, il sindaco di Garda, ha deciso di revocare l'ordinanza del 14 maggio che vietava al bar "La Motta" di effettuare intrattenimenti musicali. La scelta è stata fatta il 29 maggio ed è stata comunicata al legale rappresentate della società intestataria del chiosco "La Motta & Coconut beach style" sito sul Lungolago Europa 22, così il locale potrà riprendere a proporre musica ai suoi clienti, a patto che venga spenta a mezzanotte

Il precedente provvedimento era entrato in vigore in quanto, secondo l'amministrazione comunale, il chiosco disturbava la quiete pubblica e provocava "assembramenti di persone in struttura inadeguata con problemi di sicurezza". A causa anche delle numerose "segnalazioni di disturbo alla quiete pubblica provenienti nei confronti di tale chiosco", come riporta il quotidiano L'Arena, era quindi scattata l'ordinanza, che aveva suscitato l'ira di molti sul web. Il dietrofront del Comune prende il via dalla richiesta del gestore di "ottenere l'autorizzazione per intrattenimento musicale esterno fino alle 24", che ha fornito inoltre le proprie osservazioni complete della taratura specifica dell'impianto che trasmette musica nel locale, con le casse che verranno puntate verso il lago. 
Motivazioni che hanno quindi spinto il sindaco Pasotti e la sua giunta a rilasciare l'autorizzazione per diffondere musica fino a mezzanotte. Nei patti però è stato specificato che la gente non potrà ballare e che l'impianto dovrà rispettare i limiti di emissione sonore: paletti che trovano le proprie basi sul "piano di zonizzazione acustica" e "sulla normativa vigente", come afferma L'Arena. La nuova ordinanza inoltre specifica che "l'autorizzazione può essere revocata in ogni momento per motivi di sicurezza, di ordine pubblico o per inosservanza delle prescrizioni cui è stata vincolata o per disturbo alla quiete pubblica". La musica quindi dovrà essere proposta in modo che non disturbi abitazioni e strutture turistiche vicine

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Motta" riaccende la musica, però fino a mezzanotte e non si potrà ballare

VeronaSera è in caricamento