Brigate Rosse, si è spento a Verona il pentito Michele Galati

Condannato per i due omicidi di Sergio Gori e di Alfredo Albanese, da collaboratore di giustizia è stato determinante per l'arresto di una quarantina di militanti

Foto di repertorio

Prima brigatista e poi collaboratore di giustizia. Condannato per due omicidi e pentito determinante per l'arresto di una quarantina di militanti. Oggi, 9 marzo, è morto a Verona Michele Galati, ex esponente di spicco della colonna veneta "Cecilia Ludmann" delle Brigate Rosse, come riportato da Ansa.

Galati fu condannato per gli omicidi del direttore del petrolchimico di Porto Marghera Sergio Gori e del commissario della Digos di Venezia Alfredo Albanese, entrambi avvenuti nel 1980. Passò una decina d'anni in carcere, ma divenne collaboratore di giustizia nel 1982. È stato il primo ad indicare la scuola di lingue parigina Hyperion come una specie di centrale del terrorismo internazionale, capace di mediare anche il traffico clandestino di armi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'11 al 13 ottobre 2019

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

  • Scavalca una siepe e vola sulle auto parcheggiate dall'altro lato nel piazzale

  • La "pacchia" è finita in tangenziale Nord a Verona: entra in funzione il nuovo autovelox

  • Nuovo autovelox in Tangenziale Nord, 366 multe nelle prime 12 ore

  • Rombano i motori, Rally Due Valli al via a Verona: il programma della giornata

Torna su
VeronaSera è in caricamento