È morto Dario Fo. A Verona 60 anni di teatro vissuti con Franca Rame

Il premio Nobel è morto oggi, 13 ottobre. Lo scorso aprile aveva inaugurato nel capoluogo scaligero il Museo Archivio Laboratorio intitolato a lui e alla sua compagna

Proprio ieri, 12 ottobre, c'era stata la firma sul protocollo d'intesa tra Comune di Verona, Archivio di Stato e MusALab per la volorizzazione del patrimonio archivistico del capoluogo scaligero, patrimonio composto soprattutto dal Museo Archivio Laboratorio dedicato al teatro di Dario Fo e Franca Rame.

Dario Fo è morto oggi, 13 ottobre, proprio nel giorno in cui viene assegnato il Nobel per la letteratura, premio che lui aveva vinto nel 1997. È morto all'età di 90 anni, dopo aver vissuto da artista, attore, scrittore, drammaturgo, regista, ma soprattutto da giullare, da uomo che "dileggia il potere restituendo dignità agli oppressi", come si legge proprio nella motivazione per il Nobel.

Ha vissuto questi ultimi anni della sua vita senza la sua compagna Franca Rame, venuta a mancare nel 2013. Con lei ha condiviso una straordinaria vita affettiva e professionale. 60 anni di teatro e di cultura, che sono raccolti in un'unica sede, inaugurata lo scorso aprile a Verona, negli ex Magazzini Generali. Il Museo Archivio Laboratorio Dario Fo-Franca Rame, sito che il ministero ha riconosciuto come d'interesse storico particolarmente importante, è un regalo che fatto alla città di Verona, ma soprattutto a coloro che vogliono approfondire la produzione artistica di un genio del teatro italiano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

Torna su
VeronaSera è in caricamento