Cronaca Piazza Gilberto Altichieri, 1

Ricoverato positivo al coronavirus, muore a 55 anni un uomo residente a Oppeano

Il cordoglio del sindaco Giaretta: «Difficile trovare le parole giuste di fronte a queste situazioni». Poi l'invito a tutti i cittadini per sconfiggere il virus: «Restiamo a casa»

Nel Comune di Oppeano l'invito a restare a casa contro il coronavirus

Secondo quanto si evince da un messaggio ai cittadini divulgato dallo stesso sindaco del Comune di Oppeano Pierluigi Giaretta e rilanciato sui social, tra gli altri, anche dal senatore della Lega Cristiano Zuliani, era un uomo di 55 anni l'ultima vittima ricoverata all'ospedale di Borgo Roma a Verona e risultata positiva al coronavirus "Sars-CoV-2". Il 55enne morto la scorsa notte abitava ad Oppeano e risulta, ad oggi, il più giovane soggetto già positivo al virus e in seguito purtroppo deceduto. Il numero totale dei morti nella provincia di Verona è salito a 8, mentre in tutto il Veneto l'ultimo bollettino della Regione parla di 63 vittime, tre in più rispetto a ieri sera.

Di seguito riportiamo il messaggio del sindaco di Oppeano Pierluigi Giaretta che, oltre ad esprimere le sue condoglianze ai familiari della vittima, ha tenuto a rinnovare a tutti l'invito a restare a casa per limitare quanto più possibile la diffusione del coronavirus "Sars-CoV-2".

«Cari Cittadini, - scrive il sindaco di Oppeano Pierluigi Giaretta - difficile trovare le parole giuste di fronte a queste situazioni. Oramai si è sparsa la notizia di questo evento tragico accaduto nel nostro Comune. Un giovane di 55 anni colpito dal virus, l’unico per fortuna nel nostro territorio, non ce l’ha fatta. Vorrei esprimere la vicinanza di tutta l’amministrazione comunale. Ma non solo, anche il cordoglio di tutta la cittadinanza, nei confronti della famiglia.

In poco tempo ho ricevuto la vicinanza e il calore da parte di molti colleghi una volta venuti a conoscenza del fatto triste. Questa vicinanza la voglio portare ai figli e alla moglie del ragazzo sfortunato. Per far capire loro che molte persone e molte comunità esprimono solidarietà per questa grande tragedia.

Stringiamoci, virtualmente, intorno per affrontare tutti insieme questa difficile situazione e sconfiggere questo nemico invisibile. Un forte, caloroso e sentito ringraziamento a tutto il personale medico che si sta prodigando per distruggere questo maledetto nemico. Restiamo a casa. Un abbraccio».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricoverato positivo al coronavirus, muore a 55 anni un uomo residente a Oppeano

VeronaSera è in caricamento