rotate-mobile
Cronaca

Scende il numero dei morti sul lavoro in Veneto, ma non quello degli infortuni

L'ultima indagine dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente Vega Engineering di Mestre evidenzia il netto calo dei decessi rispetto ai primi quattro mesi dello scorso anno

«Un terzo del 2024 si è concluso e in Veneto si contano 16 vittime sul lavoro. Quattro decessi al mese. Rispetto alla fine di aprile 2023 si rileva ancora, come lo scorso mese, un decremento della mortalità più che significativo e pari al 45%. I decessi registrati nei primi quattro mesi dell’anno scorso, infatti, erano 29. E con questa confortante tendenza del 2024 il Veneto nel primo quadrimestre dell’anno è in "zona bianca" con un’incidenza di mortalità ben al di sotto della media nazionale». Mauro Rossato, presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente Vega Engineering di Mestre, introduce così l’ultima dettagliata indagine, elaborata dal proprio team di esperti, e prosegue con un dato meno positivo: «La riduzione degli infortuni mortali, però, non trova corrispondenza negli infortuni totali, ossia la somma di mortali e non mortali, per i quali si rileva invece un, seppur minimo, incremento del 2,8%».

Il rischio di morte in Veneto ad aprile 2024

Per individuare le aree più fragili dell’Italia e della regione sul fronte della sicurezza sul lavoro, l’Osservatorio mestrino elabora una mappatura del rischio rispetto all’incidenza di mortalità.
E la "zona bianca", in cui è entrato il Veneto a fine gennaio 2024, è quella che raggruppa le regioni con l’incidenza di mortalità sul lavoro tra le più basse a livello nazionale.
A fine aprile 2024 il rischio di infortunio mortale in Veneto (4,9 morti per milione di occupati) risulta ben inferiore alla media nazionale, pari a 8,7.
Per quanto riguarda le incidenze, nel dettaglio, in regione si scopre che Belluno è l’unica a trovarsi in zona rossa con un’incidenza di mortalità pari a 11,1 (ben al di sopra della media nazionale di 8,7 e più che doppia rispetto alla media regionale). Mentre Venezia con 8 e Padova con 6,9 si trovano in zona gialla. Le più ‘virtuose’ in zona bianca sono: Verona (4,6), Vicenza (2,6) e Treviso (2,5).

Infortuni totali ad aprile

Sono 16 i decessi rilevati nel primo quadrimestre del 2024 (contro i 29 del 2023). Sono 11 le vittime che hanno perso la vita in occasione di lavoro e 5 in itinere.
I 16 decessi del primo quadrimestre del 2024 sono stati registrati nelle province di: Padova e Verona (5), Venezia (3), Belluno, Treviso e Vicenza (1).
Le vittime in occasione di lavoro sono state registrate a Padova e a Venezia (3), Verona (2), Belluno, Treviso e Vicenza (1).
Delle 11 vittime registrate in occasione di lavoro, 3 erano straniere.
Sono 23.136 le denunce di infortunio complessive su un totale, in Italia, di 193.979. Vale a dire circa l’11,9% di quelle rilevate a livello nazionale.

Ad aprile più denunce per infortunio

Alla fine di aprile 2024 le denunce di infortunio totali sono aumentate del 2,8% rispetto alla fine di aprile del 2023: erano 22.152 e ora sono 23.136. Un segnale negativo, ma comunque inferiore alla crescita media nazionale pari al 3,6%.

Il settore manufatturiero è il più colpito in Veneto

Le attività manifatturiere, alla fine di aprile 2024, sono ancora in cima alla graduatoria delle denunce di infortunio in occasione di lavoro (4.116). Sono seguite da: Costruzioni (1.308), Commercio (1.225), Trasporti e Magazzinaggio (1.095) e Sanità (1.016).

Il maggior numero di denunce a Vicenza

È la provincia di Vicenza quella con il maggior numero di denunce totali di infortunio (4.530), seguita da: Verona (4.374), Treviso (4.307), Padova (4.292), Venezia (3.884), Belluno (1.053) e Rovigo (696).

Infortuni per genere e nazionalità

Sono 7.896 le denunce di infortunio totali delle donne lavoratrici e 15.240 quelle degli uomini. Le denunce di infortunio in occasione di lavoro delle lavoratrici sono state 6.164, mentre quelle dei lavoratori 13.386. Le denunce dei lavoratori stranieri sono 5.613 (4.679 in occasione di lavoro).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scende il numero dei morti sul lavoro in Veneto, ma non quello degli infortuni

VeronaSera è in caricamento