Tragico incidente a bordo piscina: muore ricoverata a Verona Eugenia De Beni

Una caduta accidentale causata dal cedimento della balaustra alla quale si era appoggiata mentre si trovava a bordo piscina, sarebbe questa la causa del decesso della nota restauratrice Eugenia De Beni

Un tragico incidente avvenuto durante le sue vacanze sul Lago di Garda a Padenghe nel bresciano, è costato la vita alla nota restauratrice Eugenia De Beni, residente a Bergamo dove era una professionista molto apprezzata nel suo settore.

Nella giornata di domenica 7 agosto, così come riferito da BergamoNews, la De Beni si trovava nel giardino della sua casa vacanze a bordo piscina, quando all'improvviso per un cedimento della balaustra cui era appoggiata la donna 50enne ha rimediato una contusione alla testa. Con lei vi era anche un'amica che ha subìto conseguenze più lievi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inizialmente per Eugenia De Beni non vi è stata nessuna perdita di coscienza e lei stessa aveva chiesto ai propri familiari di accompagnarla in Ospedale. La restauratrice è stata dunque portata presso la struttura di Peschiera del Garda e successivamente è stata trasferita a Verona presso il Polo Confortini di Borgo Trento. Le sue condizioni di salute si sono però progressivamente aggravate in modo rapido ed irrimediabile, fino al sopraggiunto decesso di martedì 9 agosto nel pomeriggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento