menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nascondevano nelle pentole il cibo del carcere, tre detenute di Montorio accusate di furto

Dozzine di uova, litri di latte e diversi salumi, tutti fatti "sparire" in diversi nascondigli della mensa. Ma per la difesa non c'è alcun reato: i viveri non hanno mai lasciato la struttura

Tre litri di latte, 37 uova, due pacchi di zucchero, dei salumi, formaggi e wurstel, insalata e 20 mozzarelle, questo il bottino che tre detenute della casa circondariale di Montorio avevano nascosto in vari spazi della cucina. E proprio per questi generi alimentari distratti le tre ora dovranno rispondere davanti al giudice di appropriazione indebita.

LA VICENDA – Le tre carcerate, nel maggio del 2011, lavoravano all'interno della mensa della struttura detentiva, una come cuoca, la seconda come aiuto e la terza in qualità d'inserviente. Il caso del furto del cibo venne alla luce quando una delle agenti della polizia penitenziaria in servizio nelle cucine non scoprì i generi alimentari riposti in vari nascondigli: pentole, padelle, mensole alte, ogni angolo era buono per far “sparire” gli alimenti. La scoperta costò alle tre detenute una punizione immediata: per una settimana fu loro proibito di frequentare le aree comuni, ma ora dovranno rispondere di quanto fatto davanti alle autorità.

FURTO O NON FURTO – La decisione del giudice non è però così scontata come si potrebbe pensare: se da una parte l'accusa punta il dito contro le tre donne, accusandole di aver nascosto il cibo con lo scopo di portarlo fuori dal carcere in un secondo momento (si tratterebbe quindi di appropriazione indebita), dall'altra parte la difesa sottolinea come, attenendosi ai semplici fatti, latte, uova e tutto il resto non abbiano mai veramente lasciato le cucine, e dispensa e zona cottura non erano in ogni caso frequentate solo dalle tre accusate, ma erano aperte al personale interno e alle altre ospiti della casa circondariale. Ieri la guardia penitenziaria che ha scoperto i nascondigli ha deposto in tribunale, ora non resta che attendere il verdetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento