menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La storia d'Italia ripercorsa attraverso pezzi storici del Gioco dell'Oca

“Il molto dilettevole Giuoco dell’Oca. Storia Immagini Musica Teatro” è la rassegna che si terrà a Verona dal 12 aprile al 25 maggio, grazie a 50 tabelloni donati dalla Compagnia teatrale Gino Franzi alla Biblioteca Civica

Ripercorrere la storia d’Italia del’900 in chiave divertente, è l’obiettivo della mostra “Il molto dilettevole Giuoco dell’Oca. Storia Immagini Musica Teatro”, 50 tabelloni donati dalla Compagnia teatrale Gino Franzi alla Biblioteca Civica.
L’originale collezione, con pezzi stampati tra il 1930 e il 1980 (eccezione un gioco del 1648), sarà ospitata nella Civica dal 12 aprile al 25 maggio, nella Protomoteca e negli spazi della Biblioteca Ragazzi. Un’iniziativa promossa dalla Compagnia Gino Franzi in collaborazione con il Comune, con lo scopo di utilizzare il gioco dell’oca come strumento didattico e sociale, oltre che ludico. La mostra si inserisce in un più ampio progetto culturale che prevede una serie di eventi collaterali legati al tabellone con caselle e pedine.
Il 4 maggio, alle 21 nella sala Farinati della Biblioteca civica, sarà possibile assistere alla versione drammatizzata del Gioco dell’Oca, in cui cantanti, banditori, e ballerine metteranno in scena una versione artistica del tabellone realizzato dalla Gino Frinzi, “La storia d’Italia”. Un percorso in 63 caselle che ripercorre, in chiave storico-musicale, la storia d’Italia dei primi sessant’anni del Novecento. In programma anche una serie di incontri intergenerazionali per nonni e bambini, in Biblioteca, ed eventi e spettacoli nei centri anziani e nelle case di riposo di Verona.

Una donazione a beneficio di tutta la città, che può ripercorrere la storia d’Italia attraverso il gioco – afferma l’assessore alla Cultura Francesca Briani-. Se poi, la forma ludica diventa anche strumento didattico, di condivisione, stimolo e aggregazione, assume un valore sociale di assoluto rilievo per la comunità”.

Questi alcuni titoli dei tabelloni in mostra: il novo et piacevole gioco del pela il chiu’ (1648), gioco dell’oca geografica (1910), giuoco del rugby o pallone ovale (1920),giuoco del calcio (1920), le corse dei cavalli (1930), la conquista dell’abissinia (1936), alla conquista economica dell’impero (1937), pinocchio (1937), giuoco dell’oca natalizia (1943), caccia al ladro (1940), il grande viaggio (1950), il gioco dei reali (1950), le elezioni non sono un gioco (1953), 1000 miglia (1956), colombo alla scoperta delle indie occidentali (1960), il gioco del patentone (1965), il gioco dello scudetto (1970), playman gioco dell’oca sexy (1971), il gioco del si può (1980).

Ingresso libero ma con posti limitati per lo spettacolo del 4 maggio, nella sala Farinati della Civica (circa 100 posti a sedere).
Erano invece presenti alla conferenza stampa il presidente della Compagnia Gino Frinzi Stefano Modena, le curatrici della mostra Lorenza Roverato e Chiara Rigoni, Barbara Baldo di Ippogrifo produzioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento