Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Legnago / Corso della Vittoria

Molestie al mercato e non consegnano i documenti ai carabinieri: arrestati

I cittadini hanno segnalato ai carabinieri di Legnago il comportamento dei due nigeriani, che poi hanno rifiutato di collaborare opponendo resistenza e dando vita ad una prima colluttazione

I cittadini avevano segnalato il comportamento molesto e i carabinieri allora sono intervenuti per provare a sistemare pacificamente la situazione. I due però di collaborare non volevano saperne e hanno finito col guadagnarsi un arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 
L'attenzione dei militari della stazione locale è stata richiamata nella giornata di sabato, durante un servizio di perlustrazione nel corso del mercato settimanale: i presenti infatti avevano segnalato la presenza di due uomini di colore, che poi si scopriranno essere di origine nigeriana, che stavano molestando le persone di passaggio. In un primo momento, dai racconti della gente, sembrava si trattasse di molestie sessuali nei confronti di alcune donne, ma tali voci poi non hanno trovato alcuna conferma. 
Gli uomini dell'Arma allora hanno rintracciato i due per farsi consegnare i documenti ed effettuare un controllo di routine: il più robusto però ha rifiutato categoricamente di collaborare, così mentre l'altro cercava di allontanarsi, è stata mandata sul posto anche una pattuglia del Norm legnaghese. Bloccati e portati in caserma, i due rifiutavano ancora una volta di fornire le proprie generalità, dando vita ad una nuova colluttazione che ha provocato una presunta frattura ad un dito ad un militare, giudicata guaribile per ora con una prognosi di 15 giorni, e una gomitata sul labbro ad un altro, che gli ha fatto guadagnare a sua volta un giorno di prognosi. 

Alla fine i due sono stati comunque identificati: il primo abitava a Legnago e risultava essere senza lavoro; il secondo invece era un profugo che in precedenza si trovava a Ostiglia, fino a quando la questura locale non ha deciso di allontanarlo dal suolo italiano per la sua condotta. 
I due infine sono stati condotti questa mattina, 11 gennaio, davanti al giudice per l'udienza di convalida dell'arresto: provvedimento convalidato, sono stati rimessi in libertà. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestie al mercato e non consegnano i documenti ai carabinieri: arrestati

VeronaSera è in caricamento