Minaccia degli operai con la pistola e si barrica in casa, poi si consegna ai carabinieri

Il tutto si è verificato nel cuore di Verona, nella mattinata di lunedì: decisivo l'intervento dei militari per portare l'uomo a più miti consigli

Immagine generica

Sono stati momenti di grande tensione quelli vissuti lunedì mattina nel centro di Verona, ma alla fine tutto si è risolto senza gravi conseguenze. 
Intorno alle 11 un pensionato classe 1961, in forte stato di agitazione, avrebbe minacciato con una pistola, regolarmente detenuta, due persone che si erano recate presso la sua abitazione per riscuotere un credito, relativo a dei lavori di manutenzione del proprio appartamento, che il pensionato però riteneva di non dover pagare.

A quel punto gli operai hanno richiesto l’intervento dei carabinieri che, non potendo escludere la necessità di un intervento armato, hanno messo in sicurezza la zona e chiusa.
I militari, dopo aver parlato con l'uomo anche attraverso l’intervento del “negoziatore”, lo hanno convinto ad uscire di casa e a consegnarsi.
Nessun colpo è stato dunque esploso e il pensionato è stato denunciato per minaccia aggravata dall’uso delle armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento