Minacce ed estorsione di oltre 60 mila euro a Gianni Mura: 47enne arrestato a Verona

L'uomo avrebbe conosciuto il giornalista una decina di anni fa, ricevendo anche il suo aiuto. Ad un certo punto però, quella che sembrava essere diventata un'amicizia, si sarebbe trasformato in un incubo anche per la moglie dello stesso Mura

Gianni Mura - Foto MilanoToday

F.G., 47enne che vive a Verona ma che sarebbe residente a Cles, a Trento, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di estorsione e minacce: le vittime sarebbero il giornalista Gianni Mura, morto il 21 marzo 2020, e la moglie, che nel corso del tempo gli avrebbero versato 61500 euro, anche se gli investigatori ritengono che il denaro estorto possa essere di più. 
Le richieste sarebbero state accompagnate da minacce di morte all'indirizzo dello stesso Mura e della donna, e sarebbero proseguite anche dopo la morte del primo. È stata infatti proprio la moglie a presentarsi ai carabinieri per denunciare quanto accaduto, come riferiscono i colleghi di MilanoToday. 

Il tutto avrebbe preso il via una decina di anni fa. F.G. si sarebbe presentato come un suo fan con una situazione familiare complicata e qualche precedente per resistenza: tra i due era nata una sorta di amicizia, con il giornalista che lo ha aiutato sia versandogli dei soldi, sia trovandogli un lavoro. Dall'ottobre 2018 però, secondo l'accusa, F.G. avrebbe dato il via a minacce e richieste di denaro in tranche da 2mila a 5mila euro per volta, forse perché insoddisfatto di quanto percepito. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'escalation di minacce che venivano inviate alla e-mail di Mura. «O mi dai 5mila euro - scriveva in uno dei messaggi inviati a Mura - o verrò a Milano e farò fuori te o Paola». E ancora: «Mi dai 5mila euro domani o ti getto per sempre con uno sputo in faccia nella fossa comune dei morti maledetti o ti scateno addosso un tale esercito di violenza quale non ha mai veduto». Minacce che sono proseguite nel corso del tempo fino a marzo 2020, quando la persona ha deciso di alzare il tiro e scrivere: «30mila euro subito sul mio conto entro lunedì 9 marzo 2020. Sarò buono, sei fortunato anche qui Gianni, e non cattivo. Sei disposto a rinunciare a P. in cambio della somma sopracitata?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Innamorata di un ragazzo, genitori non approvano e la tengono chiusa in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento