rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Minacce di morte via sms a figli ed ex moglie, arrestato

Un 40enne perseguitava i familiari da oltre un anno. Fermato dai carabineri di Sommacampagna

Perseguitava l’ex-moglie e i figli da oltre un anno. Li tempestava di messaggi al cellulare con minacce di morte e non erano rare le volte in cui si presentava nella loro casa ubriaco fradicio. La sua ex compagna, nonostante lo stalking persistente, non ce l’aveva fatta a sporgere denuncia. Temeva rabbiose rappresaglie, per la sua incolumità e per quella dei figli.

A far arrestare Paulo Cesar Zanivan, operaio 40enne di origine brasiliana e residente a Lugagnano di Sona, è stata la confidenza, di febbraio, del figlio minorenne ad un insegnante di scuola che ha poi provveduto ad allertare i carabinieri della Stazione di Sommacampagna. La segnalazione ha dato, così, il via agli accertamenti. A marzo, durante l’ennesimo assalto a moglie e figli, l’incubo della famiglia è finito: quando il 40enne si è riavvicinato all’abitazione armato di coltello, pronto a danneggiare l’auto parcheggiata sotto casa, una pattuglia dei carabinieri di Villafranca è intervenuta e ha bloccato l’uomo. Ma nemmeno un primo arresto, a cui è seguita la disposizione di “divieto di avvicinamento alle persone offese e divieto di comunicazione con le stesse anche per telefono” del giudice, è servita ad allontanare lo stalker dai suoi obbiettivi.

Altre minacce di morte ripetute via sms hanno aggravato talmente tanto la sua situazione che i carabinieri di Sommacampagna, lo scorso venerdì, hanno proceduto al suo arresto mentre si trovava a Roma per lavoro. Per Zanivan si sono aperte le porte del carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce di morte via sms a figli ed ex moglie, arrestato

VeronaSera è in caricamento