Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Contraffazione: sgominato cartello milionario, 17 veronesi fermati

Gli uomini della guardia di finanza hanno fermato un giro d'affari di merce falsa che abbracciava tutta la Penisola e si stima fruttasse almeno sei milioni di euro all'anno

La contraffazione sembra essere un giro di affari clandestino tanto remunerativo quanto diffuso nella provincia scaligera, dopo il sequestro, appena qualche settimana fa, di due milioni di euro in felpe false, oggi arriva un'altra notizia simile, che riguarda capi d'abbiglimanto e accessori contraffatti per un giro d'affari di oltre sei milioni e mezzo di euro l'anno.

GIRO MILIONARIO - Sono 330 mila i pezzi sequestrati dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Vicenza e 17 i veronesi denunciati. I capi venicano importati da Cina, Turchia e Grecia per poi arrivare nei laboratori di Napoli e della Lombardia ed essere infine vendute sulle bancerelle dei mercati rionali. La svolta alle indagini è arrivata nelle ultime ore con 70 perquisizioni in tutta Italia e il sequestro di un laboratorio del bergamasco. Indagati 69 produttori. In Veneto sono sette nel vicentino e diciassette nel veronese, tutti con precedenti per ricettazione. Da Lonigo la merce contraffatta partiva in direzione di negozi e mercati del Veneto. A Verona finiva sui banchetti del mercato dello stadio, di Castelnuovo del Garda e nel negozio "Spaccaprezzi" di San Martino Buon Albergo. I finanzieri hanno parlato di un "vero e proprio cartello delinquenziale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contraffazione: sgominato cartello milionario, 17 veronesi fermati

VeronaSera è in caricamento