Cronaca

Medici di base, 197 aree scoperte nel Veronese anche dopo il bando regionale

Lo Spi Cgil di Verona riferisce che l’ultimo avviso bandito da Azienda Zero, riservato a medici di base che chiedono il trasferimento da altre regioni, ma aperto anche ai diplomati in Medicina Generale, ha fruttato soltanto 7 assegnazioni

Continua ad essere caratterizzata da situazioni di gravissima criticità la condizione della medicina territoriale nel veronese e nel resto del Veneto. Come riferiscondo dallo Spi Cgil di Verona, l’ultimo avviso bandito da Azienda Zero, riservato a medici di base che chiedono il trasferimento da altre regioni, ma aperto anche ai diplomati in Medicina Generale, ha fruttato soltanto 7 assegnazioni, di cui 2 nel Veronese. Si tratta di 5 diplomati e 2 medici provenienti dal Sud, rispettivamente dalla Calabria e dalla Puglia.

Rimane dunque intatta la grande difficoltà di decine di migliaia di persone nei quartieri e nei paesi scaligeri che non possono contare sull’assistenza del medico di famiglia. Alla fine dei conti, le zone rimaste scoperte da medico di medici generale a Verona sono calate soltanto di due unità, dalle 199 dell’aggiornamento del 23 giugno 2023 alle odierne 197 (dato del 29 settembre). Un medico diplomato è stato assegnato all’Ambito 3 del primo Distretto (Verona Città), in cui mancano all’appello ancora 25 camici bianchi, e un altro sempre diplomato è stato assegnato a Sona, che fa parte dell’Ambito 2 del Distretto 4 dell’ex Ulss 22 di Bussolengo.

Sul territorio persistono dunque grandi voragini come nella cintura Sud del capoluogo, comprendente Buttapietra, Castel D’Azzano, San Giovanni Lupatoto e le Circoscrizioni 4 e 5 del Comune di Verona, dove mancano 29 medici di base; nella zona del lago di Garda dove ne servirebbero 23 tra Bussolengo, Malcesine, Pescantina, Sommacampagna e Sona. Altro punto nero è nel quadrante Sud-Ovest, comprendente Erbé, Isola della Scala, Mozzecane, Nogarole Rocca fino a Villafranca, nella quale mancano 25 medici di base. E nella Pianura Veronese, da Zevio fino a Villabartolomea si contano un’altra quarantina di zone carenti. Sul fronte della continuità assistenziale (ex guardie mediche) ci sono da assegnare 115 incarichi nel veronese, uno in meno dello scorso giugno.

«La penuria di medici di famiglia, unitamente all’emergenza altrettanto grave rappresentata dalle liste di attesa e dalla rarefazione dei servizi sul territorio, sono le ragioni per cui come Cgil, assieme a centinaia di associazioni di cittadini, manifesteremo sabato prossimo, 7 ottobre, a Roma in difesa della Costituzione, dei diritti e per la tutela del potere di acquisto di pensioni e salari - commenta Adriano Filice, Segretario generale Spi Cgil Verona -. Una simile condizione sociale, con la sanità in ginocchio a causa di definanziamento ed errori e omissioni di programmazione, nega il diritto alla Salute che viene sancito dalla nostra Costituzione. Ormai ci sono prestazioni sanitarie che hanno liste d’attesa vergognose e obbligano le persone a rivolgersi alla sanità privata. Noi siamo con il presidente della Repubblica Mattarella quando afferma che la sanità pubblica è ‘un patrimonio prezioso, da difendere e adeguare’. Oggi serve una grande mobilitazione per difendere la sanità ma soprattutto rimediare ai danni prodotti negli ultimi decenni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medici di base, 197 aree scoperte nel Veronese anche dopo il bando regionale
VeronaSera è in caricamento