menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maturità: archiviata anche la seconda prova, studenti spesso spiazzati

Le tracce ministeriali proposte per la seconda prova degli Esami di Maturità 2016, hanno in molti casi messo davvero in crisi gli studenti, in particolare quelli del Classico e dello Scientifico

Dopo la prima prova, gli studenti maturandi si sono dovuti confrontare con le tracce ministeriali proposte per la seconda giornata degli esami di quinta superiore. Il Ministro Stefania Giannini che aveva indicato per la prima prova il "verde" quale colore indizio, per quanto riguarda la seconda si era sbilanciata sul "bianco".

E in effetti bianca è la bandiera della pace, così come "Sulla pace" è il titolo dell'orazione del retore ateniese Isocrate dalla quale è stata tratta la versione di Greco sottoposta agli alunni dei vari licei classici. Ma in molti si sono trovati spiazzati e non sono mancate ironie "cromatiche" soprattutto sui social: dallo sbiancare dei visi preoccupati alla scoperta dell'autore da affrontare, al foglio bianco che si rischiava di dover consegnare. E in effetti Isocrate al Classico non usciva dal lontano 1958 e generalmente, ricordano gli studenti, si studia durante il penultimo anno del quinquennio. Insomma un autore non esattamente freschissimo nelle menti dei maturandi, ma che ciò nonostante in molti hanno ritenuto meno difficile ad esempio di un Platone.

Non è probabilmente andata meglio ai vari licei scientifici, dove le possibilità di scelta erano ridotte a due problemi: il primo di tipo prettamente "pratico" riguardava la progettazione di un serbatoio di gasolio da riscaldamento per un condominio di piccole dimensioni, con la richiesta di rispondere a una serie di quesiti matematici per descriverne la forma corretta. Il secondo problema invece, di carattere più teorico, chiedeva di svolgere la rappresentazione in figura di una funzione continua, con in aggiunta diversi quesiti di geometria analitica, analisi, calcolo delle probabilità e geometria solida. Anche qui non sempre gli studenti hanno potuto giovarsi del lavoro svolto durante l'anno, trovandosi spiazzati dinanzi a domande alle quali non erano abituati a confrontarsi.

Gli unici che paiono essere usciti indenni da questa dura seconda giornata di esami, sembrano essere gli alunni dei vari licei delle Scienze Umane, impegnati ad affrontare e descrivere in forma comparativa il ruolo e la funzione dei sistemi scolastici in Italia e in Europa. Al Liceo Linguistico gli studenti che hanno scelto come lingua l'Inglese si sono dovuti impegnare su un testo tratto dal The Guardian che trattava della "disastrosa" condizione demografica europeea, mentre all'Artistico in base all'indirizzo specifico si è spaziato dal Dadaismo alla progettazione di un prodotto di arredo ludico per un Asilo d'infanzia. Ora dunque bocce ferme fino a lunedì 27 giugno, quando scatterà la terza prova, diversa per tutti gli Istituti e con orario d'inizio fissato alle 8.30 in punto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento