menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Marzotto (il secondo da destra) con gli altri vertici della onlus

Matteo Marzotto (il secondo da destra) con gli altri vertici della onlus

Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, Matteo Marzotto è il nuovo presidente

Marzotto succede a Vittoriano Faganelli, che proprio con Marzotto e con Gianni Mastella e Michele Romano aveva fondato questa onlus che ha sede nell'ospedale di Borgo Trento a Verona

Matteo Marzotto è il nuovo presidente della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, agenzia italiana per la ricerca scientifica sulla malattia genetica più diffuso. Marzotto succede a Vittoriano Faganelli, che proprio con Marzotto e con Gianni Mastella e Michele Romano aveva fondato questa onlus che ha sede nell'ospedale di Borgo Trento a Verona. 

Faganelli manterrà l'incarico di presidente emerito e ha commentato: "Siamo partiti da lontano, quando la fibrosi cistica era una malattia di cui si moriva da bambini, praticamente sconosciuta. Non c’erano appigli possibili. Oggi la situazione è molto diversa e sono grato del contributo di tutti coloro che ci hanno sostenuto. Posso dire che la somma dei singoli sforzi nel tempo ha portato a un risultato incredibile e inaspettato. In 21 anni possiamo dire di aver contribuito a rendere questa malattia vincibile. Grazie allo straordinario lavoro dei ricercatori, infatti, la fibrosi cistica è diventata una malattia dell'età adulta, sono progredite le terapie ed è migliorata sensibilmente la qualità della vita dei malati".

Matteo Marzotto è stato nominato all'unanimità dal consiglio di amministrazione nuovo presidente della onlus che promuove, seleziona e finanzia progetti di ricerca sulla fibrosi cistica.

Ringrazio il consiglio per avermi dato l'onore di continuare a servire questa meravigliosa causa in veste di presidente in un momento molto diverso rispetto a quando il mio caro amico e mentore Vittoriano assunse questa carica - ha dichiarato Marzotto - Oggi è più forte l’ottimismo, più viva la speranza: siamo vicini a una cura per la mutazione genetica più diffusa in fibrosi cistica con uno studio di valenza internazionale da noi promosso e finanziato, condotto in sinergia con centri di eccellenza italiana. Investire nella ricerca di eccellenza, nella formazione e nell'informazione resta la nostra priorità e continueremo a farlo con lo scrupolo e la serietà che ci contraddistinguono, facendo sistema, creando una rete ancora più forte, perché la ricerca possa camminare ancora più veloce.

Resta alla guida della direzione scientifica il professor Gianni Mastella, affiancato dal vicedirettore Graziella Borgo e dal comitato di consulenza scientifica presieduto da Giorgio Berton e composto dai consulenti Paolo Bernardi, Paola Bruni, Roberto Buzzetti, Gian Maria Rossolini. Subentrano alla vicepresidenza Paolo Faganelli e Michele Romano, quest’ultimo con delega alle relazioni istituzionali, mentre restano confermati nel loro incarico di consiglieri: Michele Bauli, Sandro Caffi, Francesco Cobello, Paolo Del Debbio, Francesco Ernani, Giuseppe Ferrari, Gianni Mastella, Donatella Treu, Luciano Vettore e Patrizia Volpato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento