In coda per le mascherine, lettera di scuse dell'Ordine dei medici: «Abbiamo sbagliato»

«Ci scusiamo con le Colleghe e i Colleghi costretti ad una lunga e per molti inutile attesa», scrive l'Ordine dei Medici di Verona in una lettera di scuse ufficiali e poi aggiunge: «D'altra parte, quanto accaduto ieri ha confermato la carenza di Dispositivi di protezione individuale»

La lunga fila dei medici per la consegna delle mascherine dall'Ordine di Verona

«Da martedì 12 maggio Medici e Odontoiatri potranno ritirare alcune mascherine FFP2 ricevute dalla Protezione civile tramite la FNOMCeO. Al link allegato si possono consultare i dettagli della distribuzione, che avverrà presso la sala Fazzini (entrata da via Giberti)». Così l'Ordine dei medici di Verona dava l'annuncio ufficiale della distribuzione di mascherine ai suoi iscritti in una nota datata 6 maggio. Parole che rilette oggi, alla luce di quanto avvenuto ieri nei pressi della sede dell'Ordine di Verona, con la coda infinita di medici ed odontoiatri in paziente attesa durante l'intera mattinata, si rivelano sicuramente un po' beffarde.

Qualcosa è infatti andato storto, e le lamentele non sono mancate. Anche perché per molti l'attesa durata persino delle ore intere, si è poi rivelata del tutto inutile: «Si informa che le mascherine sono esaurite. Non ne verranno consegnate altre», così si leggeva infatti sul sito ufficiale dell'Ordine dei Medici di Verona in un messaggio comparso nel pomeriggio di ieri.

Ordine dei medici Verona mascherine esaurite

Il messaggio apparso sul sito dell'Ordine dei medici di Verona

Sicuramente meno sintetica è poi stata invece la lettera di scuse che lo stesso Ordine dei Medici di Verona ha voluto indirizzare ai suoi scritti. La missiva, datata mercoledì 13 maggio, cioè oggi, è firmata dal presidente OMCeO Carlo Rugiu e dalla presidente CAO Elena Boscagin. Così si legge nella lettera:

«Care Colleghe e cari Colleghi,

La lunga coda che si è formata ieri all'esterno del nostro Ordine è stata dovuta ad una cattiva organizzazione da parte nostra; abbiamo sbagliato sottovalutando l'afflusso, e per questo ci scusiamo con le Colleghe e i Colleghi costretti ad una lunga, per molti inutile, attesa.

D'altra parte, quanto accaduto ieri ha confermato la carenza di DPI, un problema al quale gli Ordini provinciali hanno cercato di far fronte grazie ad un modesto quantitativo di mascherine ricevute dalla FNOMCeO, anche se questo è un compito che spetta ad altre istituzioni. Se in futuro arriveranno altre mascherine, certamente ci organizzeremo in altro modo, onde evitarvi i disagi patiti ieri.

Cordiali saluti

Carlo Rugiu - Presidente OMCeO

Elena Boscagin - Presidente CAO».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lettera di scuse Ordine dei Medici di Verona 13 maggio 2020

La lettera di scuse Ordine dei Medici di Verona 13 maggio 2020

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento