menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto Venezia Today)

(Foto Venezia Today)

Mascherine e abiti contraffatti, scoperta rete di vendita con snodo a Verona

Operazione della guardia di finanza di Venezia che ha individuato sei responsabili ed ha sequestrato più di 16.500 capi di abbigliamento con marchi contraffatti

Aveva snodi a Caserta, Napoli, Trapani ed anche a Verona, la rete di vendita di capi di abbigliamento contraffatti scoperta e smantellata dal secondo nucleo operativo metropolitano della guardia di finanza di Venezia.

I sospetti dei finanzieri, come riportato da Venezia Today, sono nati dalla visualizzazione di alcuni post pubblicati sul proprio profilo social da un cittadino veneziano. Quest'ultimo pubblicizzava e vendeva mascherine di stoffa con griffe di alta moda a prezzi molto vantaggiosi. L'indagine è poi passata dal mondo virtuale a quello reale, con appostamenti sotto la casa del sospettato. I Baschi Verdi veneziani hanno così potuto notare un continuo viavai di corrieri-espresso. È così scattata la perquisizione domiciliare che ha permesso ai finanzieri di sequestrate le mascherine contraffatte, oltre a documenti relativi ad ordini di acquisto di merce.

Successivamente sono stati analizzati anche i contatti telefonici dell'uomo ed è stato così possibile risalire ai suoi fornitori. I finanzieri sono potuti intervenire nei luoghi in cui veniva immagazzinata la merce illegale. Complessivamente sono stati individuati sei responsabili del commercio illecito e più di 16.500 articoli di abbigliamento sono stati sequestrati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Veneto in area "rosso scuro" per l'Europa. Zaia: «Dati fuorvianti»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento