Cronaca Centro storico / Via dello Zappatore

Maltrattamenti in famiglia. Potrà vedere la ex moglie ma non entrare in casa

La donna teme ancora l'ex compagno, ma non vuole complicare il suo rapporto con le figlie. Per questo le misure restrittive sono state modificate

Ha ancora paura dell'ex marito, ma non vuole complicare il rapporto dell'uomo che le figlie. Per questo, ieri, 11 agosto, le misure restrittive che vincolavano i due ex coniugi sono state attenuate, come scritto su L'Arena. Il Tribunale di Verona ha permesso all'uomo di incontrare le bambine e la ex moglie, ma non potrà entrare nella loro casa.

Come ogni storia di divorzio, anche questa comincia con un matrimonio. La moglie, di origini nigeriane, giovane e bella si sposa con un uomo molto più grande di lei, sia fisicamente che anagraficamente. Il rapporto s'incrina a causa della gelosia di lui, che lo rende sempre più violento. Col passare del tempo, ogni scusa diventava buona per alzare la voce e a volte anche le mani. Se lei si lamentava o non faceva quello che lui le ordinava, finiva attaccata al muro.

Una serie di violenze che lei pensava finissero con la separazione, arrivata l'anno scorso. Lui ha però continuato a condividere il tetto conuigale con la donna, fino alla denuncia per maltrattamenti che lo ha costretto all'allontanamento. Il processo è ancora in corso e la sentenza è prevista per settembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamenti in famiglia. Potrà vedere la ex moglie ma non entrare in casa

VeronaSera è in caricamento