menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo e gravi danni sul lago di Garda tra Torri e Brenzone

Dal sole alto in cielo a una violenta tromba d'aria nel giro di mezz'ora, il repentino cambio climatico sull'alto Garda ha causato ingenti danni nella mattina di domenica 6 agosto

Un repentino cambio climatico non senza conseguenze quello avvenuto a metà mattina di oggi, domenica 6 agosto, lungo le sponde del lago di Garda nella zona di Torri del Benaco e Brenzone. Secondo quanto riportato dal quotidiano L'Arena, nel giro di mezz'ora dall sole in cielo si sarebbe passati a una vera e propria tromba d'aria, con tanto di sedie spazzate vie dalla piazza Torri e portate fin sulla strada Gardesana.

Un gruppo di cinque ragazzi aveva inoltre appena preso a noleggio un'imbarcazione, la quale poco dopo essere salpata ha rischiato di finire a fondo con a bordo i giovani. Grazie all'intervento di un gommone privato che ha prontamento recuperato gli occupanti del natante, si è fortunatamente evitata una possibile tragedia.

Sempre a Torri del Benaco anche il Circolo degli Anziani è stato travolto dalla tromba d'aria che ha fatto crollare un imponente albero al centro de giardino della villa. Non è andata molto meglio neppure a Brenzone, dove almeno un paio di alberi sono stati sradicati dal forte vento e uno di questi è finito addosso a un'automobile parcheggiata. L'acqua ha inoltre invaso gli hotel del posto causando allagamenti. Per l'esatta conta dei danni registrati finora bisognerà probabilmente attendere fino a domani, mentre il dato che si spera non debba mutare è quello relativo ai feriti, al momento nessuno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento