Cronaca Isola della Scala

Il cane resta a fare da guardia al corpo del cacciatore morto

Il corpo di Luigi Maroccolo è stato rinvenuto ieri in una riserva di Isola della Scala, dopo che il concessionario si era insospettito per il ritardo del pensionato e ha deciso di seguire il fido

È stato trovato morto ieri, a corte Scardevara a Isola della Scala, Luigi Maroccolo, di 69 anni, residente a Povegliano veronese

L'ANTEFATTO - Il pensionato si era recato nella riserva di Raffaele Marcazzan per una battuta di caccia ai faggiani, stavolta però era solo, visto che l'amico che di solito lo accompagnava era stato fermato dal mal di schiena. Il cacciatore era una persona abitudinaria ed era di solito di ritorno verso le 10.30 del mattino. Il concessionario della riserva, notando lo strano ritardo dell'uomo, ha deciso di fare un giro di controllo per assicurarsi che tutto fosse in ordine. Non riuscendo ad intravedere Luigi, Raffaele si è diretto verso il suo cane, che era libero di girare nella riserva ma non lasciava mai una ben precisa zona. 

IL RITROVAMENTO - Avvicinandosi ad esso, l'uomo ha potuto vedere il corpo del cacciatore riverso nel fossato nel quale c'erano solamente pochi centimetri d'acqua, con il fido Breton che veglia sul corpo del padrone. Raffaele ha dato subito l'allarme e sul posto sono immediatamente arrivate le pattuglie dei carabinieri e gli uomini di Verona Emergenza. Per il pensionato però non c'era più nulla da fare, il medico non ha potuto fare altro che constatare la morte per annegamento, anche se è probabile che a dare il via al tutto sia stato un malore che ha fatto cadere Luigi, togliendogli poi le forze per rialzarsi. In ogni caso la procura non ha ritenuto necessaria l'autopsia e il corpo di Luigi è stato portato fuori dalla riserva e consegnato alle pompe funebri di Vigasio da Raffaele. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cane resta a fare da guardia al corpo del cacciatore morto

VeronaSera è in caricamento