Il candidato governatore in Veneto Arturo Lorenzoni è risultato positivo al coronavirus

«Sto bene, continuerò la campagna elettorale da remoto», ha dichiarato Lorenzoni

Foto Facebook Arturo Lorenzoni

«Carissimi e carissime. Questa mattina mi sono svegliato con qualche linea di febbre e mal di testa. Nulla di grave, ma per precauzione mi sono recato a fare un tampone, non credo sia facile distinguere i sintomi del Covid da un semplice raffreddamento. Ora mi sento bene, ma attendo l'esito in autoisolamento in casa. È l'occasione per condividere la preoccupazione che hanno vissuto molti italiani in questi mesi». Così in una breve nota si esprimeva poche ore fa il candidato per il centrosinistra alla presidenza del Veneto Arturo Lorenzoni.

Lo stesso principale sfidante di Zaia nella prossima competizione elettorale per le regionali in Veneto è quindi ritornato questo pomeriggio sull'argomento con una breve nota che ha reso pubblico l'esito positivo del suo tamponne: «Sono risultato positivo al tampone fatto questa mattina. - spiega il candidato presidente alla Regione Veneto Arturo Lorenzoni - Sto bene, continuerò la campagna elettorale da remoto con incontri in teleconferenza. Cautelativamente devo stare a casa. Come richiesto dalle autorità sanitarie, invito tutte le persone che mi hanno incontrato nell'arco degli ultimi cinque giorni a rivolgersi agli uffici delle rispettive aziende sanitarie per sottoporsi a tampone». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

  • Cosa (si può) fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 gennaio 2021

Torna su
VeronaSera è in caricamento