rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca San Zeno / Vicolo San Silvestro

Long Covid, Tacconelli: «Donne più a rischio degli uomini. Sintomi neurologici sono indicatori precoci»

Nel meeting annuale, presentati i principali risultati di Orchestra, progetto europeo coordinato dall'università di Verona

Lunedì 21 e martedì 22 novembre, nel Palazzo Verità Poeta di Vicolo San Silvestro a Verona, si è tenuto il meeting annuale di Orchestra, progetto europeo coordinato dall'università di Verona. Durante l'evento sono stati presentati i principali risultati e sono stati programmati i prossimi passi per contrastare la pandemia e per comprendere e affrontare il long-Covid. Al meeting hanno partecipato più di 150 ricercatori ed esperti da tutta Europa e non solo, oltre ai rappresentanti della Commissione Europea, del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie trasmissibili (Ecdc) e dell'Agenzia europea del farmaco (Ema).

Il progetto Orchestra è partito a dicembre 2020 in risposta alla pandemia da Covid-19, con lo scopo di creare una nuova coorte pan-europea in grado di dare rapidamente preziose evidenze per politiche di sanità pubblica e per strategie di vaccinazione, in modo da contrastare le infezioni da Sars-Cov-2. Il progetto è stato finanziato con un budget totale di circa 30 milioni di euro dal programma europeo di ricerca e innovazione Horizon 2020, all’interno del piano d’azione EravsCorona, sviluppato congiuntamente dalla Commissione Europea e da organismi di diversi Paesi europei per affrontare la pandemia.
La coordinazione del progetto è affidata a Evelina Tacconelli, direttrice della sezione di malattie infettive dell'università di Verona. «Il progetto Orchestra - ha sottolineato Tacconelli - include oggi, dopo due anni dall’inizio dei lavori, più di 60 coorti storiche e prospettiche per un totale di oltre un milione di individui da 15 Paesi. Grazie al lavoro e alla collaborazione di numerosi gruppi di lavoro, siamo in grado oggi di comprendere meglio il significato di long Covid, che non è una malattia unica ma purtroppo si compone di diverse patologie. Le donne sono sicuramente più a rischio degli uomini e i sintomi neurologici, come la cefalea, possono essere indicatori precoci di conseguenze anche dopo la guarigione».

I risultati ottenuti dal progetto Orchestra non si limitano solo al long Covid, ma hanno fornito dati essenziali per decisioni di sanità pubblica a livello internazionale, come la descrizione della risposta sierologica alle vaccinazioni e alle dosi booster, in particolare nei soggetti trapiantati; la descrizione delle cosiddette infezioni breakthrough che avvengono nei pazienti vaccinati e le infezioni negli operatori sanitari.

La coorte Orchestra include anche la popolazione pediatrica coordinata da Carlo Giaquinto, docente di pediatria generale e specialistica dell’università di Padova, tra i partner del progetto. «Nei due anni dal lancio del progetto - ha spiegato Giaquinto - i ricercatori della rete di Penta hanno lavorato instancabilmente per fornire dati tempestivi e solidi in uno scenario epidemiologico in continua evoluzione nei bambini. Pur essendo in continuo contatto, oggi è la prima occasione per l’intero gruppo di incontrarsi di persona. Usciamo da questo incontro ancora più impegnati nel rafforzare la coorte Orchestra per essere meglio preparati in caso di futuri pericoli di salute pubblica in particolare per proteggere gli adulti fragili e i bambini».

«Il progetto Orchestra - ha aggiunto Catherine Cohet, dottoressa dell'Ema - continua a dimostrare la capacità di generare solide evidenze scientifiche su ampie tematiche sanitarie relative al Covid-19. Queste evidenze possono contribuire al processo decisionale nell’ambito della salute pubblica e al quadro normativo sulla pandemia. Al di là dell’attuale pandemia di Covid-19, le reti e le infrastrutture create da Orchestra saranno cruciali per affrontare al meglio le future pandemie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Long Covid, Tacconelli: «Donne più a rischio degli uomini. Sintomi neurologici sono indicatori precoci»

VeronaSera è in caricamento