menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un frame del video pubblicato su YouTube

Un frame del video pubblicato su YouTube

Litiga con i vigili, riprende la discussione e pubblica il video su YouTube

Alla base della lite ci sarebbe l'eccesso di velocità del ragazzo, impegnato nel consegnare il pane per un panificio di Soave. Al giovane è stata ritirata la patente, ma potrebbe rispondere del proprio comportamento anche davanti al giudice

Un video caricato su Youtube ha attirato l'attenzione degli abitanti dell'est veronese. A caricarlo è stato un giovane di Soave, protagonista di un diverbio con gli agenti di polizia locale dell'Unione di Comuni Verona Est, "colpevoli" a suo dire di averlo fermato per un eccesso di velocità che non avrebbe commesso, durante l'orario di lavoro. 
Il guidatore ed i vigili si sarebbero incrociati nel tratto che da San Vittore, frazione di Colognola ai Colli, porta a Soave. Secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, il ragazzo non si sarebbe fermato all'alt intimato dai vigili (che intendevano controllare la sua autocertificazione) e avrebbe cercato di fuggire, compiendo anche dei sorpassi azzardati. Uno degli agenti ha raccontato di averlo affiancato con le sirene accese, senza ottenere l'effetto sperato. Arrivati a Soave, il giovane si sarebbe fermato, salvo poi ripartire mentre il personale della Polizia locale scendeva dall'auto, rischiando di investire uno di loro, e decidendo di bloccarsi definitivamente al panificio per il quale stava effettuando le consegne

A quel punto si è scatenato il botta e risposta, anche a colpi di filmati. Un'agente infatti stava riprendendo il tutto e il guidatore allora a sua volta ha messo mano al cellulare: «Faccio anch'io perché se siamo pagliacci, faccio il pagliaccio io e fai il pagliaccio anche te». 
È partita così una discussione tra il ragazzo e i vigili, i quali hanno cercato di calmarlo e di fargli riporre il telefono, con poco successo. Il guidatore stava consegnando il pane e sosteneva di non aver superato i limiti, accusando gli uomini della polizia locale dell'Unione di Comuni Verona Est di abusare della propria autorità. Al tutto hanno assistito anche alcuni residenti, che hanno cercato di tranquillizzare il giovane, che chiedeva insistentemente ai vigili di spegnere il mezzo («Ho generi alimentari in auto»), arrivando ad aprire la loro auto di servizio. 
Alla fine al ragazzo è stata ritirata la patente, ma i guai per lui potrebbero non essere finiti: rischia infatti di dover rispondere davanti al giudice di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e calunnia a mezzo social. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento