Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Borgo Trento / Piazza XVI Ottobre, 27

Scoppia la lite e con il coltello ferisce al volto il rivale: 50enne arrestato

L'episodio si è verificato in piazza Santa Toscana, a Verona, nella serata di martedì, sotto gli occhi di alcuni cittadini che hanno deciso di allertare i carabinieri di quanto stava avvenendo

Carabinieri nella zona di piazza Santa Toscana a Verona - Immagine di repertorio

Una violenta lite scoppiata intorno alle ore 20 di martedì in piazza Santa Toscana, all'incrocio con via Arduino a Verona, ha convinto alcuni cittadini che vi avevano assistito ad allertare la centrale operativa dei carabinieri. 
Sul luogo indicato sono così giunte due pattuglie ed i militari sono stati avvicinati da un da un 43enne marocchino, che presentava una ferita da taglio alla guancia sinistra. Il nordafricano ha fornito la descrizione del suo aggressore, che è stato poi rintracciato in via Cantarane mentre tentava di allontanarsi.
Alla vista delle divise avrebbe goffamente ed inutilmente cercato di disfarsi del coltello a serramanico con il quale avrebbe ferito il suo antagonista, per poi venire bloccato ed accompagnato in caserma: si trattava di un 50enne tunisino, senza fissa dimora e già noto alle forze dell'ordine. Nel frattempo il 43enne aggredito è stato visitiato al Pronto soccorso di Borgo Roma per le ferite riportate al volto. 

Per il 50enne dunque sono scattate le manette con l'accusa di lesioni aggravate ed il suo coltello, provvisto di una lama lunga 6 centimetri ed ancora sporco di sangue, è stato sequestrato.  
Dagli accertamenti svolti dai carabinieri parrebbe che la lite sia avvenuta per futili motivi, verosimilmente per lo stato di ebbrezza in cui versava l'aggressore. Mercoledì mattina, il giudice ha convalidato l'arresto e disposto la custodia cautelare in carcere, in attesa del processo che si terrà il 26 ottobre prossimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoppia la lite e con il coltello ferisce al volto il rivale: 50enne arrestato

VeronaSera è in caricamento