rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Lavoro, la Camusso boccia la linea scelta dal governo

All'assemblea dei dirigenti della Cgil in Gran Guardia il segretario auspica nella finanziaria

"Il paese merita un governo migliore". Non ha usato giri di parole il neosegretario della Cgil Susanna Camusso, oggi presente in città all'attivo regionale dei quadri e delegati del sindacato veneto. "Il problema del sindacato non è essere o meno favorevole ad una caduta - ha aggiunto - ma quello di avere il diritto di formulare giudizi. Questo è un governo che non ha governato rispetto alla crisi. Un governo che anche in queste ore anziché occuparsi della crisi si occupa d'altro. Ecco perché in queste condizioni il paese si merita un governo migliore".

L'analisi del segretario Cgil si sofferma sul comportamento tenuto dal governo dal fallimento della Lehman Brothers in poi: "L'Italia non aggancia la ripresa perché il governo ha passato due anni a raccontare che la crisi non c'era e che eravamo i migliori del mondo, senza sviluppare politiche di crescita".

Esprimendo in seguito un auspicio per la prossima approvazione della finanziaria in parlamento: "Si deve invertire il segno delle scelte. E' positivo che ci sia una decisione favorevole rispetto al credito d'imposta per la ricerca, ma é evidente che sul lavoro le risposte non sono sufficienti: vorremmo rimettere sotto i riflettori la drammatica urgenza di un provvedimento che sblocchi il tetto dei dieci mila per la mobilità e l'accesso alla pensione altrimenti all'inizio dell'anno ci troveremo con decine di migliaia di lavoratori che non avranno più né mobilità né lavoro e non potranno accedere alla pensione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, la Camusso boccia la linea scelta dal governo

VeronaSera è in caricamento