Discarica Siberie, al via i lavori per risolvere il problema degli odori

Il 13 marzo cominceranno i lavori per la costruzione dei pozzi per l'estrazione del biogas. Possibili disagi sono previsti per i cittadini del territorio comunale di Sona

Domani, 13 marzo, dopo la predisposizione del cantiere, cominceranno i lavori per la costruzione dei pozzi per l'estrazione del biogas nella discarica Siberie di Sommacampagna. Lavori che tutti auspicano possano risolvere il problema degli odori provenienti dalla discarica e che interessa soprattutto i cittadini del territorio comunale di Sona.

Proprio il consigliere Bellotti, incaricato dal Comune di Sona di rappresentare i cittadini nella commissione di controllo della discarica di Sommacampagna avverte: "Per ridurre il più possibile l'odore che si potrebbe generare dall’escavazione dei pozzi, si procederà a chiudere ogni pozzo, prima di aprirne un altro. È comunque possibile che nel periodo di escavazione dei pozzi vi possa essere un maggior disagio per i cittadini di Lugagnano. La speranza è che questo disagio venga compensato da una netta riduzione dell'odore emesso dalla discarica quando sarà avviato l'impianto di captazione del biogas entro la fine di maggio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a questo intervento, il gestore della discarica aveva avviato dal 2 marzo una campagna di monitoraggio delle fonti di odori all'interno della discarica e all'esterno, per individuare la causa del fenomeno che genera l’odore percepito anche a notevole distanza, come a Mancalacqua a Lugagnano. E lo stesso ha fatto il Comune di Sona, come ricordato dal sindaco Gianluigi Mazzi: "Abbiamo attivato una modalità di segnalazione degli odori, in modo da permettere agli uffici di informare gli organi competenti e avviare le opportune azioni. Serve il massimo supporto di tutti, affinché gli amministratori abbiano indicazioni precise".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

  • Coronavirus, test sierologici rapidi anche nelle farmacie veronesi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento