Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

Alcune armi erano regolarmente denunciate, le altre invece erano detenute irregolarmente. Al termine delle indagini dei carabinieri, per l'uomo residente a Lavagno sono dunque scattate le manette

I carabinieri con le armi sequestrate a Lavagno

Le indagini avviate nei giorni scorsi dai carabinieri della stazione di San Martino Buon Albergo, lunedì sera un 42enne, incensurato e residente a Lavagno, è stato tratto in arresto, dopo che in casa sua è stato trovato un vero arsenale, composto da armi regolarmente denunciate e da altre che invece sarebbero state detenute irregolarmente
Stando a quanto riferito dai militari, l'uomo nella propria abitazione teneva: un revolver artigianale calibro 320, una pistola lanciarazzi con relativi razzi, alcune decine di detonatori a miccia, varie matasse di miccia, una decina di caricatori per pistola, una quarantina di armi bianche (pugnali,coltelli, spade e baionette), centinaia di cartucce per pistole di vari calibri e dodici chilogrammi di polvere da sparo.
Arrestato, l'uomo è stato condotto martedì mattina davanto al giudice, che ha convalidato il provvedimento e fissato il processo al 20 marzo prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento