Cronaca Via Giuseppe Mazzini

Prostituzione, stupro, lesioni, traffico di esseri umani: latitante tedesco arrestato

I carabinieri della stazione di Negrar lo hanno fermato dopo un animato litigio con un connazionale avvenuto in un locale: i successivi accertamenti poi hanno permesso di scoprire che era il destinatario di un mandato d'arresto europeo

Nel corso del fine settimana, i Carabinieri della Stazione di Negrar hanno tratto in arresto un 23enne di nazionalità tedesca, residente in Germania, destinatario di un mandato d’arresto europeo (MAE) emesso dal suo paese di origine.

L’uomo è stato fermato dai militari dopo essersi reso protagonista di un’animata lite con un connazionale, avvenuta nei pressi di un esercizio pubblico del posto. Gli uomini dell'Arma intervenuti, dopo aver sedato il litigio, hanno accertato, attraverso la Banca Dati del Ministero dell’Interno, che lo straniero risultava essere ricercato in area Schengen poiché colpito da un MAE con richiesta di estradizione, emesso in data 8 luglio 2015 dal Tribunale di Amburgo (D). Il provvedimento è scaturito in quanto il giovane è ritenuto responsabile di lesioni, stupro, traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale nonché di sfruttamento della prostituzione; tutti reati commessi ad Amburgo, dal mese di novembre 2014 al 19 giugno 2015, per i quali è prevista una pena massima di anni 15 di reclusione. L’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Montorio e posto a disposizione della Corte di Appello di Venezia quale Autorità Giudiziaria competente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione, stupro, lesioni, traffico di esseri umani: latitante tedesco arrestato

VeronaSera è in caricamento