Cronaca Centro storico / Via Giovanni Zambelli

Ladro beccato da un residente mentre ruba su un'auto in centro storico

Il rumore del vetro rotto ha svegliato uno dei residenti del condominio, che quando ha visto quella losca figurava che rovistava su una Bmw ha subito allertato il 113

Dopo i diversi casi segnalati nei giorni scorsi di auto parcheggiate per le vie del centro città, fatte oggetto di danneggiamento e/o furti, arriva un primo arresto della Polizia di Stato, effettuato grazie alla preziosa quanto tempestiva segnalazione al 113 da parte di un residente del centro storico, il quale ha reso possibile l’individuazione, nel giro di pochi minuti, del ladro.

Si tratta di un tunisino di 23 anni, rintracciato dagli agenti delle Volanti mentre si allontanava da via Zambelli, luogo del furto, verso via Nizza; a chiamare le forze dell'ordine e segnalare l’azione furtiva un abitante di uno dei condomini della zona il quale, svegliato dal fragore di vetro infranto proveniente dalla strada sottostante, si è affacciato alla finestra sorprendendo il tunisino mentre frugava nell’abitacolo di una Bmw, dopo averne spaccato il finestrino.

Al momento del controllo effettuato dai poliziotti della Squadra Volanti, il ladro aveva ancora le mani ferite ed insanguinate, mentre il giubbotto che indossava presentava dei tagli evidenti sulla manica destra, così come descrtitto dal testimone del fatto all'operatore del 113. 

Ed è cosi che le manette sono scattate ai polsi di Bourayou Amine, gravato da precedenti di polizia e giudiziari, con l’accusa di tentato furto aggravato. Nella mattinata di martedì è stato condotto dinanzi all’Autorità Giusiziaria che ha convalidato la misura precautealere e differito il processo stante la richiesta dei termini a difesa. Per il tunisino intanto è stata disposta la misura cautelare del carcere. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladro beccato da un residente mentre ruba su un'auto in centro storico

VeronaSera è in caricamento