Cronaca Bardolino / Via Don Giovanni Agostini

Ladri fermati dai carabinieri: nell'auto trovati arnesi da scasso, refurtiva e coltelli

Le segnalazioni dei cittadini hanno messo i militari della stazione di Peschiera sulle tracce di due uomini che si aggiravano in maniera sospetta tra le abitazioni di Bardolino

Nel corso di alcuni servizi di pattugliamento del territorio, mirati alla prevenzione dei furti in abitazione e dei reati predarori in genere, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Peschiera del Garda, hanno fermato e deferito in stato di libertà due cittadini romeni di 40 e 26 anni, entrambi in Italia senza fissa dimora, poiché resisi responsabili dei reati di ricettazione, possesso di arnesi da scasso e strumenti per l’effrazione e porto abusivo di arma da taglio (coltello a serramanico).

Intorno alle 1 di lunedì notte, a seguito di una segnalazione giunta al 112, la pattuglia del Radiomobile ha sorpreso a Bardolino i due cittadini stranieri che si aggiravano con fare sospetto tra le case ed i garages privati. Questi, alla vista dei militari, hanno tentato una precipitosa fuga ma sono stati ugualmente bloccati e trovati in possesso di numerosi arnesi per lo scasso, oltre ad un coltello a serramanico. A bordo della loro autovettura, un Audi A6 di grossa cilindrata, sono stati inoltre rinvenuti alcuni compressori portatili da auto, diverse confezioni di alcolici di pregio, una mini telecamera portatile con annesso supporto ed un navigatore satellitare: tutti oggetti per i quali i romeni non sono stati in grado di dimostrarne la proprietà né la provenienza.

I due fermati sono gravati da specifici precedenti ed erano stati arrestati per furto aggravato in concorso lo scorso 21 ottobre, per cui hanno riportato una condanna di 6 mesi con pena sospesa, al termine delle formalità di rito sono stati rimessi in libertà.

FOTO 3-3-10

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri fermati dai carabinieri: nell'auto trovati arnesi da scasso, refurtiva e coltelli

VeronaSera è in caricamento