Cronaca Borgo Roma / Via Argenta

Sequestrato dalla municipale un laboratorio-dormitorio tessile

L'attività si trova in via Argenta, nel quartiere di borgo Roma. Durante il sopralluogo è stata scoperta un’area dove erano state ricavate delle "micro camere" da letto

La Polizia municipale ha posto sotto sequestro questa mattina un laboratorio-dormitorio in via Argenta, in borgo Roma, dove venivano confezionati capi d’abbigliamento e all’interno del quale sono state riscontrate gravi carenze sulla sicurezza degli impianti e dei lavoratori.

Gli operai che vi lavoravano, tutti di nazionalità cinese, risultano regolarmente presenti sul suolo italiano. All’operazione hanno partecipato tecnici dello Spisal e polizia municipale, che hanno accertato che all’interno dell’edificio industriale erano state predisposte una trentina di postazioni di lavoro, 13 delle quali in funzione al momento del controllo.

Il controllo di agenti e tecnici ha messo però in luce diverse carenze in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro: un pericolo generalizzato d’incendio, a causa di polveri generate dalla lavorazione dei tessuti e dall’elettricità statica presente, aggravato da una manutenzione non adeguata degli estintori con controlli scaduti nel 2006; manomissioni delle macchine da cucire, dalle quali erano state rimosse alcune protezioni e sistemi di sicurezza; le singole postazioni venivano alimentate con fili volanti e collegamenti aerei pericolosi, che partivano dall’impianto generale.

Durante il sopralluogo è stata inoltre scoperta un’area dormitorio dove erano state ricavate sette “micro-camere” di cinque-sei metri quadri all’interno delle quali dormivano due-tre persone. Sul posto è intervenuto un interprete, per spiegare ai lavoratori cosa stesse accadendo, visto che nessuno parlava la lingua italiana. Il gestore del laboratorio non è ancora stato rintracciato e alla proprietà dell’immobile, convocata durante le operazioni, sono stati notificati gli atti relativi al sequestro preventivo. Sono poi intervenuti anche i tecnici della Camera di Commercio per controlli in materia di etichettatura dei capi confezionati, sia per verificare la rispondenza dei materiali, sia per approfondimenti con la ditta romagnola riportata sull’etichetta.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrato dalla municipale un laboratorio-dormitorio tessile

VeronaSera è in caricamento