menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sbarra della discordia  stata rimossa

La sbarra della discordia stata rimossa

La sbarra della discordia stata rimossa

Era comparsa subito dopo la costruzione del distributore

Improvvisamente la sbarra vicino al nuovo distributore di via Antonio da Legnago, che chiudeva l’ingresso a una via laterale, è sparita.

La polemica era sorta dal consigliere comunale del Pd Carlo Pozzerle, che aveva sollevato dubbi in riferimento al fatto che la strada ostruita era comunale. “Questo nuovo distributore è stato costruito modificando quella strada, acquisita dal Comune proprio per i lavori di allargamento di via Da Legnago - ha spiegato Pozzerle -, e che prima era aperta al libero transito mentre poi non più”. La strada si dirige verso alcune abitazioni e, prima della sistemazione della via, per entrarvi occorreva passare da una corte privata, una parte di questa è stata espropriata dal Comune.


“Grazie ai lavori di allargamento della strada è stato possibile asfaltare il tratto iniziale che dà al distributore permettendo quindi l’ingresso senza dover passare da una corte privata” ha spiegato il consigliere dell’Udc di ottava Circoscrizione Alessandro Zamboni. “Non mi sono giunte lamentele per quanto concerne questa sbarra” ha puntualizzato il presidente di Circoscrizione Dino Andreoli. Però intanto è stata tolta: “Per forza - ha concluso Pozzerle - ho presentato domanda alla polizia municipale che l’ha fatta togliere. Non si può ostruire una strada di proprietà comunale impedendo il passaggio dei veicoli”. Per di più il consigliere sottolinea anche il fatto che la carreggiata ha solo segnaletica orizzontale e non verticale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento