menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La nuova Passalacqua  in lista d'attesa

La nuova Passalacqua in lista d'attesa

La nuova Passalacqua in lista d'attesa

Giacino: "Fra quattro anni al via i lavori, poi altri quattro anni"

Per la nuova Passalacqua servono ancora 8 anni, Perchè i lavori inizieranno solo tra 4 anni, e dopo altri 4 anni si saranno conclusi.
Si è discusso nuovamente sul futuro della caserma Passalacqua durante il convegno dell’Istituto Nazionale di Urbanistica presieduto dall’architetto Marisa Fantin, presidente di Inu Veneto. L’ambiziosa scommessa è stata lanciata dall’assessore all’urbanistica Vito Giacino: “Realizzeremo un progetto complesso di riqualificazione urbana della Passalacqua. Quando avremo finito, anche il territorio circostante verrà valorizzato. Ci vuole ancora molto prima di arrivare all’inizio dei lavori, siamo di fronte ad un’area complessa, oggetto di vincoli da parte della Soprintendenza e che necessita di accurate indagini prebelliche e di analisi del territorio, ma stiamo lavorando bene. I lavori dureranno quattro anni, ma bisogna considerare che le opere saranno realizzate in tre cantieri differenti. Le palazzine che edificheremo non andranno a cozzare con l’impatto ambientale delle mura. Il parco sarà solo la miccia della riqualificazione sociale di Veronetta. Il quartiere acquisterà nuovo valore, così pure l’università, con nuovi spazi a disposizione. Presto potremo creare una cittadella della cultura, rendendo così il nostro ateneo più competitivo a livello nazionale. Metteremo in risalto la bellezza delle mura, con  tecnologie modernissime per illuminare il parco di notte”.
Entusiasta del progetto è anche l’architetto Fantin: “Si tratta in pratica di progettare una parte stessa di Verona: stiamo parlando di un area di 150mila metri quadri. I tempi saranno lunghi, ma è stata una scelta forte. È più facile coinvolgere capitali privati: si sta affrontando il tema della città storica in modo competente, sicuramente Verona farà da esempio per le altre città. A livello di master plan è positivo il progetto del parco. Finalmente si avrà il disegno verde della città di cui c’è bisogno. Ciò che spero personalmente è che si riesca a creare una connessione con il parco dell’Adige, per rendere il progetto più completo”.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento