rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

La crociata di Galli Righi: Difendiamo la Provincia

Il presidente del consiglio attacca chi vuole abolire gli enti provinciali

Massimo Galli Righi, presidente uscente del consiglio provinciale, difende a tutti i costi la Provincia. Abolizione? Nemmeno a sentirne parlare. “La coerenza politica non è da tutti. E a volte invece di coerenza politica e amministrativa vi è stata solo superficialità. Ci vorrebbero meno consigli d’amministrazione e più riunioni dove i cittadini possano dire se sono contenti o meno della situazione”. La crociata di Galli Righi parte proprio dai palazzi scaligeri, in occasione della conferenza stampa relativa al bilancio  del quinquennio 2004-2009.

Ed è un attacco diretto anche a chi sta seduto sui banchi del consiglio: “Gli attuali consiglieri non si sono preoccupati  di dar voce ai cittadini, bisogna decidere insieme”. Senza risparmiare l’amministrazione centrale: “Il governo si sta solo preoccupando di predisporre i paletti legislativi per gli abitanti e per il territorio, escludendo dalla discussione i 60 milioni di abitanti che vi sono in Italia”.  Province da salvare, quindi. Anche perchè assicura Galli Righi, servono eccome. Il presidente del consiglio espone i dati di fine mandato sul lavoro svolto: “Su un totale di 156 sedute di consiglio, tutto il programma del presidente Mosele è stato svolto. Tutto il lavoro compiuto e le risorse economiche investite. Ora la parola passa alla nuova amministrazione provinciale. Noi abbiamo fatto la nostra parte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crociata di Galli Righi: Difendiamo la Provincia

VeronaSera è in caricamento