rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

La Cassazione vieta il saluto romano ai tifosi

Condanna per un tifoso dell'Hellas

Il saluto fascista non si fa. Non si deve fare. Semplicemente perché in Italia, fino a prova contraria, è fuorilegge. Oggi la Cassazione lo ha ripetuto chiaro e tondo, confermando la condanna a un tifoso dell’Hellas, che aveva fatto il saluto romano allo stadio durante uno scontro con la polizia. Lui, il tifoso, si era giustificato dicendo che lo aveva fatto “per scherzo”. Niente da fare,  ha detto la Cassazione, respingendo il ricorso. Le motivazioni? Perfino ovvie: “Il gesto richiama una ideologia violenta e discriminatrice”. Bene. Tutto questo mentre in rete, su vari siti, è  possibile vedere Michela Vittoria Brambilla, neoministro per il Turismo, tendere il braccio in modo “quasi” inequivocabile dal palco autorità della festa dei carabinieri di Lecco. Ma come?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cassazione vieta il saluto romano ai tifosi

VeronaSera è in caricamento