Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Piazza Brà

Prevenire è meglio che curare. Parte la campagna per combattere l'ipertensione arteriosa

Domenica 17 maggio 2015 si svolgerà a livello nazionale la XI Giornata mondiale contro questa patologia: numerose le iniziative nate a Verona, con Federfarma che lancia la sua campagna di prevenzione

Domenica 17 maggio 2015 si svolgerà a livello nazionale la XI Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa promossa dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA) e patrocinata, tra gli altri, da Federfarma, Assofarm, Croce Rossa Italiana e Fofi.

Federfarma Verona anticipa a sabato 16 maggio 2015 le proprie iniziative su Verona e Provincia, patrocinate dall’Ordine dei farmacisti e dalla Provincia di Verona, per offrire alla popolazione un più ampio numero di farmacie aperte sul territorio provinciale annunciando, inoltre, che in farmacia le iniziative sanitarie di prevenzione partono già da giovedì 14 (per terminare sabato 16 maggio).

La campagna vuole sensibilizzare la popolazione sull’importanza del controllo della pressione arteriosa come misura di prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Due le novità di quest'anno: la misurazione della fibrillazione atriale per i soggetti over 70 presso il gazebo di Federfarma Verona in Piazza Bra (dalle ore 9 alle 12,15) in aggiunta a quella arteriosa e la consegna sia presso il gazebo che in farmacia di un coupon per 3 ulteriori misurazioni gratuite ai soggetti che abbiano registrato valori oltre la norma. Fino ad esaurimento, inoltre, presso il gazebo verranno donate alla popolazione, campionature di prodotti iposodici quali ad esempio del pane messo gratuitamente a disposizione dall’Associazione Panificatori veronesi.

I dati dei questionari redatti in farmacia e in piazza Bra, verranno elaborati da Federfarma Verona e consegnati alla SIIA per essere analizzati nonché utilizzati nell’ambito di strategie sanitarie di contenimento e prevenzione dell’ipertensione arteriosa.

Ieri mattina nella Sala Rossa della Provincia di Verona il presidente Antonio Pastorello, il dott. Marco Bacchini presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia, il prof. Pietro Minuz direttore dell’Unità Operativa di Medicina Generale e dell’Ipertensione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Intergrata di Verona nonché membro della SIIA ed Alessandro Ortombina presidente CRI Verona, hanno presentato tutte le iniziative rivolte alla cittadinanza. Alla conferenza stampa era presente anche Gian Paolo Zuanazzi, Presidente dell’Associazione Panificatori di Verona.

GLI APPUNTAMENTI

IN FARMACIA (14-16 maggio 2015) DAL 14 AL 16 MAGGIO NELLE FARMACIE ASSOCIATE A FEDERFARMA VERONA aderenti volontariamente alle iniziative e riconoscibili dalla locandina esposta: misurazione gratuita della pressione arteriosa, esposizione della locandina e consegna della brochure diffusa dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa. Ai soggetti che avessero valori oltre la norma verrà data la possibilità nei giorni successivi, di monitorare i propri valori pressori in farmacia. Inoltre verranno consegnate all’utenza delle campionature di prodotti iposodici e somministrati agli utenti, da parte del farmacista, dei questionari nei quali riportare, in forma anonima, i dati acquisiti in fase di misurazione della pressione che saranno poi utilizzati per valutazioni epidemiologiche.

IN PIAZZA BRA (16 maggio 2015 dalle ore 9 alle 12,15) Presenza di un presidio di Federfarma Verona nella giornata di sabato 16 maggio dalle ore 9.00 alle ore 12 e 15 dove verrà effettuata la misurazione gratuita della pressione arteriosa nonché quella atriale ai cittadini over 70, da parte di farmacisti associati a Federfarma Verona, di Medici della SIIA e dei volontari della Croce Rossa Italiana. Ai cittadini verranno consegnate delle campionature di prodotti iposodici, ovvero a basso contenuto di sale, e del materiale informativo relativo ad un corretto stile di vita unitamente ad un questionario che verrà somministrato all’utenza al fine di rilevare, in forma anonima, i dati relativi alle misurazioni effettuate.

"Per rimarcare l’importanza delle iniziative promosse in questa giornata, con una lettera congiunta al Presidente della Provincia, dott. Antonio Pastorello, sono stati invitati in piazza Bra tutti i Sindaci e le Amministrazioni comunali della provincia di Verona – dice Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia -, affinché la loro partecipazione possa essere un esempio concreto di quanto sia importante dedicare qualche minuto del proprio tempo per monitorare la propria salute, soprattutto in una patologia come questa che molte volte è asintomatica".

"Con piacere presentiamo oggi la Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa, giunta quest’anno alla sua XI edizione – ha detto il presidente della Provincia di Verona Antonio Pastorello -. Mai come oggi è importante fare prevenzione e offrire consigli utili sullo stile di vita e sull’alimentazione a tutti i cittadini. Per questo motivo ringrazio gli organizzatori dell’iniziativa che, con passione e dedizione, hanno deciso di impegnarsi in direzione del benessere sociale offrendo il loro contributo alla nostra comunità. Come presidente della Provincia sono orgoglioso di poter collaborare e dare il mio appoggio a questo tipo di eventi che mi auguro possano essere ripetuti anche in futuro".

"Ogni anno muoiono per malattie cardiovascolari dovute alla pressione alta 280.000 persone in Italia e 8,5 milioni di persone nel mondo. L’entità del problema ha avuto una conferma dallo studio che abbiamo condotto assieme a colleghi di Medicina Generale aderenti alla Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), coordinati dal dott. Mario Celebrano, su un ampio campione della popolazione veronese. Abbiamo rilevato che i soggetti con diagnosi di ipertensione arteriosa rappresentano il 22 % della popolazione adulta - spiega il prof. Pietro Minuz - e che il 10% degli ipertesi hanno bisogno di essere trattati con almeno 4 farmaci antipertensivi per normalizzare i valori pressione. Questi soggetti presentano la cosiddetta ipertensione 'resistente'. Il messaggio che si vuole inviare è comunque positivo: si può fare molto per migliorare l’adesione alla terapia, coordinando l’attività di medici con differenti competenze, promuovendo la prevenzione, fornendo a tutti le conoscenze circa i rischi causati dalle cattive abitudini, i vantaggi di adottare uno stile di vita salutare ed infine fornendo indicazioni su come effettuare in modo corretto la rilevazione della pressione arteriosa".

"Croce Rossa Italiana si pone come obiettivo la tutela e la protezione della salute e della vita. In particolare pianifica attività e progetti non solo di assistenza sanitaria, ma anche di promozione della salute volti alla prevenzione e alla riduzione delle vulnerabilità, sia individuali che comunitarie, diffondendo comportamenti che determinino un buono stato di salute – spiega Alessandro Ortombina, presidente Comitato Provinciale di Verona della Croce Rossa Italiana -. Da diversi anni Croce Rossa Italiana - Comitato Locale di Verona è partner insieme all’Università degli Studi di Verona - Facoltà di Medicina e Chirurgia e a Federfarma Verona nell'organizzazione della Giornata dell'Ipertensione e nell'assistenza a tutti i cittadini che si faranno visitare nell'apposita struttura allestita in piazza Bra".

"Come Associazione dei giovani farmacisti siamo estremamente felici di poter essere al fianco di Federfarma Verona nel contribuire alla realizzazione di questa campagna di prevenzione - dice Matteo Zerbinato, presidente Agifar Verona - e ringraziamo la stessa per l'opportunità di poter esprimere la professionalità e il ruolo educazionale anche dei colleghi più giovani. Sono personalmente convinto che il farmacista di domani debba sapere operare anche all'esterno della farmacia portando sul territorio il bagaglio di competenze e di cultura sanitaria che gli appartengono e lo contraddistinguono".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prevenire è meglio che curare. Parte la campagna per combattere l'ipertensione arteriosa

VeronaSera è in caricamento