rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Intrappolato nella propria auto rischia la morte per il freddo

Un veronese 33enne perde il controllo della vettura e si schianta rimanendone intrappolato

Resta intrappolato nella propria auto e rischia assideramento. Un 33enne veronese residente a Cologna Veneta, in seguito ad un incidente stradale,sarebbe rimasto per oltre quattro ore nella sua automobile rischiando di morire assiderato.

Il fatto sarebbe avvenuto nella notte tra venerdì 10 e sabato 11 febbraio quando l'uomo, a bordo di una Fiat Punto, stava percorrendo la consueta strada per fare ritorno a casa. Il conducente del mezzo, a causa delle pessime condizioni climatiche avrebbe perso il controllo della vettura andando schiantarsi contro un platano. Secondo le ricostruzioni delle forze dell’arma nelle successive quattro ore l'uomo,senza che nessuno si accorgesse di lui e privo di sensi a causa dell'urto, è rimasto imprigionato nella sua automobile che penzolava tra il limite della carreggiata e un torrente ghiacciato al di sotto di essa.

Dopo quattro ore l'uomo è stato salvato all'alba di sabato 12 febbraio. Inoltre, secondo la ricostruzione dei Carabinieri, giunti sul luogo dell'incidente con una pattuglia, l'uomo, impossibilitato a uscire dalla propria auto, non poteva chiamare i soccorsi poichè il telefonino gli sarebbe volato via in seguito all'urto avuto con l'albero. Solo intorno alle 7.30 del mattino un uomo che passava di lì per recarsi a lavoro si è accorto che, all'interno di quell'auto schiantata contro un albero, c'era una persona e ha prontamente chiamato i soccorsi. I Vigili del Fuoco sarebbero poi riusciti ad estrarre l'uomo dall'abitacolo della sua auto, mentre un'ambulanza lo avrebbe immediatamente trasportato in ospedale. Ricoverato, all'uomo non sarebbero stati riscontrati nè ferite gravi, nè veri e propri sintomi di assideramento, nonostante il pericolo corso sia stato molto elevato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intrappolato nella propria auto rischia la morte per il freddo

VeronaSera è in caricamento